thumbnail Ciao,

Il danese fin qui ha giocato poco, ed è l'unico degli attaccanti bianconeri a non aver ancora segnato. Se la situazione non cambierà, il danese potrebbe decidere di andarsene.

La Coppa Italia, sempre più competizione di secondo piano, serve a questo: a mettere in vetrina giocatori che in campionato non riescono a trovare spazio. Sai mai che trovino la serata giusta e mettano in difficoltà l'allenatore. Nicklas Bendtner è uno di questi. Stasera, contro il Cagliari, il danese ha l'ennesima chance.

Fin qui, l'attaccante giunto in prestito dall'Arsenal per tappare la falla di un big offensivo mai acquistato ha deluso. Alla Juve non sono più così convinti (se mai lo sono stati) della scelta fatta, lui inizia a ragionare sull'andamento di una stagione che sta andando contro le aspettative.

339 minuti e zero reti: troppo poco per un attaccante che in fin dei conti è pur sempre andato agli ultimi Europei. Degli attaccanti, Bendtner è l'unico che non è andato a segno. Lui spera che le cose cambino, magari proprio a partire dal match di stasera, in uno Stadium esaurito nonostante lo scarso appeal della Coppa Italia.

Certo, se le cose dovessero continuare così il danese potrebbe prendere in considerazione l'ipotesi di lasciare Torino a gennaio. Lui vuole soprattutto giocare: non importa in che squadra, anche un club non di prima fascia può andar bene. Basti pensare che in estate era stato a un passo dal Siena.

Sullo stesso argomento