thumbnail Ciao,

L'attaccante giallorosso è stato espulso sul 3-0 degli ottavi di Coppa Italia con l'Atalanta. Era già stato cacciato contro l'Inter e in Nazionale con la Danimarca.

Negli schizofrenici primi mesi di campionato della Roma si è visto praticamente di tutto. Ora, finalmente, la squadra pare aver trovato un minimo di continuità. Confortante anche il 3-0 rifilato all'Atalanta negli ottavi di Coppa Italia, nonostante qualche aspetto negativo.

Il primo è il rosso rimediato da Pablo Osvaldo, quando il passaggio del turno era già stato definito. Per l'italo-argentino si tratta della nona espulsione in carriera, la terza in questa stagione: era già stato cacciato dal campo per due volte a San Siro, contro l'Inter e in Nazionale con la Danimarca.

A parlare dell'episodio in cui è stato coinvolto il suo attaccante è Zeman, per il resto poco contento per la prestazione della squadra: "Pablo ha sempre avuto un giocatore alle spalle che non lo faceva muovere, e si è voluto liberare con una smanacciata. Se si muove prima, certe cose si possono evitare".

Osvaldo è comunque andato in goal per il momentaneo 2-0. Assist di Destro, come a dire che una convivenza non è impossibile. "Con uno largo e l'altro al centro si può fare" dice Zeman, che non fa preferenza tra Fiorentina e Udinese nei quarti. Anche se "giocare a Udine il 9 gennaio non è calcio".

Il tecnico boemo, infine, si complimenta con Stekelenburg e col giovane Romagnoli e fa prove di pace con De Rossi: "Per noi è un giocatore importante, anche se le sul campo le scelte non lo stanno premiando. Nella prima parte ha fatto bene, e poi è calato".

Sullo stesso argomento