thumbnail Ciao,

Mazzarri mette in bacheca la Coppa Italia e si toglie un sassolino dalla scarpa: "Sembrava impensabile battere la Juve..."

Riguardo al suo futuro sulla panchina del Napoli, il tecnico partenopeo non lascia adito a dubbi: "Ho un contratto fino al 2013 e intendo rispettarlo".

Alla fine Walter Mazzarri ce l'ha fatta, dopo due stagioni e mezzo sulla panchina del Napoli, il tecnico toscano è riuscito a portare un nuovo trofeo nella bacheca del club partenopeo, che era a secco da 22 anni, la prima vittoria della società di De Laurentiis, rinata sulle ceneri del grande Napoli di Maradona: la Coppa Italia, grazie alla vittoria per 2-0 sulla Juventus.

"Sono felicissimo - ha detto Mazzarri ai microfoni di 'Sky Sport' - Sembrava impensabile battere la Juventus in questa stagione. Non aveva mai perso e batterla per 2-0 è stata l'impresa delle imprese. Da tre anni il nostro inno lo cantano tutti e ora l'abbiamo ricantato anche noi".

"Tutta la squadra ha fatto qualcosa di straordinario in questo triennio - ha detto ancora Mazzarri - Questo è un gruppo eccezionale che va premiato e osannato in blocco. Il mio futuro? Ho un contratto fino al 2013 e intendo rispettarlo. Ora godiamoci questa festa, ci sarà tempo poi per pensare ad altro".

Sullo stesso argomento