thumbnail Ciao,

"Mi auguro di scrivere un'altra pagina vincente domani con i compagni e cointribuire a un'altra vittoria", ha detto Del Piero.

ROMA - Ultima conferenza stampa pre-partita in bianconero per Alessandro Del Piero, che domenica sera scenderà in campo per affrontare il Napoli nella finale di Coppa Italia e disputerà così la sua ultima partita con la maglia della Juventus.

Ti sei immaginato il finale? "No, tutto quello che è stato finora è stato indescrivibile, ma mi auguro di scrivere un'altra pagina vincente domani".

Riesci a pensare che non sia l'ultima in maglia Juve? "E' stata una settimana, ma sono stati anche settimane e mesi completamente diversi, ma io sono focalizzato sulla vittoria. In parte ci siamo riusciti e ora abbiamo un'altra opportunità, non voglio distrarmi, voglio vivere il mio impegno fino all'ultimo. Grazie alla mia giovane età c'è anche un filo di incoscienza" (ride, ndr).

Meritavi un altro anno di contratto? "Forse penserete che sia retorica, ma l'importante è soltanto il presente, oggi. In questo istante stare attento alle vostre domande e domani cercare di vincere".

Come nasce l'iniziativa del One Love sulla maglietta di domani? "E' stata una proposta dello sponsor tecnico e io ho accettato volentieri. Ho cercato di sintetizzare in quel motto come fino ad oggi ho vissuto il rapporto col mio lavoro e con l'ambiente".

Se arriva un'offerta dagli Emirati Arabi dici sì? "Non lo so, oggi non ho la testa per pensare ancora a questo. Da lunedì comincerò a pensare cosa farò da grande".

Che Napoli ti aspetti? "Siamo nella migliore e nella peggiore posizione possibile, perché arriviamo da vincenti ed è sempre dura recuperare risorse, ma se penseremo a quanto abbiamo faticato per arrivare a questo obiettivo, allora avremo delle armi per vincere. E nella peggiore perché il Napoli è una brutta squadra da affrontare".

Con che stato d'animo affronti questa gara? "Non so cosa penserò prima di entrare in campo, ma stasera e domani cercherò la giusta concentrazione, cercherò di isolarmi da questa bellissima avventura, per arrivare pronto a domani sera".

Ti scoccia lasciare la Juve? E c'è la possibilità di restare in Italia? "Sono molto sereno, molto tranquillo, felice di tutto quello che è accaduto fino ad oggi. Non ci sono particolari situazioni per le quali debba essere triste. Le cose per le quali ha senso addolorarsi sono le tragedie come quelle di stamattina. Quello che facciamo noi è sport, passione, ci mettiamo tutti noi stessi, ci arrabbiamo anche, ma è giusto che finisca e che ricominci il giorno dopo con altre e più forti motivazioni. Domani voglio solo vincere e non penso al resto".

Ma puoi restare in Italia? "Appunto".

Sullo stesso argomento