thumbnail Ciao,

Pep non parla nemmeno del Bayern Monaco, sua prossima squadra: "Sarebbe scorretto farlo, è in corsa per la Champions". Sui Mondiali: "La favorita principale per me è la Spagna".

Nostalgia per il Barcellona? Nemmeno un po', specialmente ora che gli alieni paiono essere tornati improvvisamente umani. Pep Guardiola è concentrato al 100% sul Bayern Monaco, club che allenerà a partire dalla prossima stagione per tentare di ripetere la fantastica esperienza blaugrana.

"C'è un momento in cui si diventa adulti - ha detto l'allenatore spagnolo, in visita a Buenos Aires dove ha incontrato anche il ct argentino Sabella - quella del Barça è stata una fase fantastica della mia vita, ma adesso fa parte del passato".

Guardiola, elegantemente, non ha voluto parlare nemmeno del suo futuro. "Non fatemi dire nulla del Bayern. Sarebbe scorretto farlo, visto che è ancora in piena corsa per un traguardo importantissimo".

Pep ha invece risposto a una domanda del sindaco di Buenos Aires, ed ex presidente del Boca Juniors, Mauricio Macri: "Le nazionali favorite per i Mondiali in Brasile? Per me prima di tutto la Spagna. Poi ci sono le solite, Argentina, Brasile e Germania".

Sullo stesso argomento