thumbnail Ciao,

L'ex tecnico del Barcellona controllava ossessivamente le vite dei suoi giocatori: telefonate durante la notte e report dettagliati. Nel mirino soprattutto la coppia Piquè-Shakira.

Josep Guardiola, il mister 'spione'. L'ex tecnico del Barcellona infatti, avrebbe ossessivamente controllato la vita privata dei proprio giocatori, temendo da parte loro una vitta notturna poco morigerata.

L'agenzia investigativa 'Metodo 3', il cui direttore era in ottimi rapporti con Pep Guardiola, avrebbe spiato vari giocatori del Barcellona su indicazione dello stesso mister blaugrana. Il tutto è riportato oggi dalle edizioni online di alcune testate spagnole, come 'As' e 'El Confidencial', precisando che al centro delle attenzioni dei detective sarebbe stato in particolare il difensore centrale Gerard Piquè, noto per la sua relazione con la popstar Shakira.

Ma anche i vari Ronaldiho, Eto'o e Deco sarebbero finito sotta la lente d'ingrandimento degli investigatori pagati da Guardiola. In un certo periodo gli uomini della 'Metodo 3' avrebbero seguito perfino l'allora giovanissimo Leo Messi.

Il tecnico catalano sarebbe stato ossessionato dall'idea che i suoi calciatori dovessero fare vita d'atleta, arrivando a chiamarli nelle ore notturne per verificare che fossero a casa, e non in giro per bar, cosa che avrebbe potuto pregiudicare il loro rendimento in campo. Così spesso sia Guardiola che l'allora direttore delle relazioni esterne del Barca, l'ex fuoriclasse della pallanuoto Manel Estiarte, sollecitavano a più riprese i detective, anche a notte fonda, non appena avevano sentore di possibili uscite dei giocatori.

Sullo stesso argomento