thumbnail Ciao,

L'allarme dell'agente di Gascoigne: "Ha ripreso a bere, rischia la vita", non è rimasto inascoltato. L'Assocalciatori inglese pronta alla mobilitazione: "No a un nuovo Best".

Il nuovo allarme è stato lanciato solo qualche ora fa da Terry Baker, agente di Paul Gascogine, indimenticato calciatore della Lazio che da anni combatte contro l'alcolismo.

"Non mi ringrazierà per quello che sto dicendo, ma ha bisogno di essere aiutato immediatamente. La sua vita è sempre in pericolo", ha dichiarato un preoccupatissimo Baker alla 'Bbc'.

La risposta all'agente di Gascoigne è arrivata nel primo pomeriggio per bocca di Gordon Taylor, direttore generale dell'Assocalciatori inglese: "Le parole di Baker suonano come se Paul avesse bisogno di essere tenuto d'occhio 24 ore su 24. Sembra che Gazza abbia la necessità di avere accanto qualcuno tutto il tempo per essere sicuri che si prenda cura di se stesso e non si faccia del male".

Quindi Taylor continua: "Fa un passo avanti e due indietro. Ho parlato con Paul nel weekend, mi ha detto che è stato solo un caso ma ora dipende tutto da lui, non vogliamo un'altra tragedia come quella di George Best. Ha bisogno di aiuto, e quello dei suoi tanti amici non è mai venuto meno. Ma c'è anche un senso di frustrazione perchè quando le cose sembrano andare meglio va di nuovo fuori strada".

Lo scorso novembre Gascoigne era tornato all'Olimpico di Roma, ospite della Lazio in occasione della sfida di Europa League fra i biancocelesti e il Tottenham. L'ex giocatore era apparso al fianco del presidente Lotito sorridente e in buone condizioni. A quanto pare però la situazione ha avuto una svolta drammatica proprio nelle ultime settimane. Ora ai tifosi della Lazio non resta che stringersi intorno al vecchio idolo, sperando che vinca la sua partita più importante: quella per la vita.

Sullo stesso argomento