thumbnail Ciao,

Il tecnico blaugrana lancia una frecciata all'indirizzo del portoghese ed esalta il suo predecessore, che presto tornerà ad allenare: al Bayern?

"A parti invertite, ora non sarei qui a rispondere alle vostre domande". Dopo Piquè, tocca a Tito Vilanova lanciare una frecciata nei confronti di Josè Mourinho, 'nemico' giurato del Barcellona. "Se fossimo noi ad avere 18 punti di distacco dal Real Madrid, sono sicuro che ora non sarei qui con voi", ha spiegato il tecnico blaugrana in conferenza-stampa, alla vigilia del match di Coppa del Re contro il Malaga.

"Affronteremo una grande squadra, quella di domani è come una partita di Champions League", si è detto sicuro Vilanova, che ha fatto il punto della situazione anche sul campionato, fin qui stradominato dai suoi. "Abbiamo un grande vantaggio, ma è ancora tutto possibile, matematicamente parlando. E poi ci sono ancora gli scontri diretti, chi ci precede potrebbe approfittare di qualche nostro passo falso".

Vilanova, al rientro da New York, dove si era recato per dei controlli dopo l'intervento per rimuovere il tumore alla ghiandola parotide, ha parlato inoltre dell'imminente rientro in panchina del suo predecessore, Pep Guardiola, che proprio nella città americana sta trascorrendo il suo anno sabbatico.

"E' un bene per il calcio che il miglior allenatore del mondo torni a guidare una squadra. Ovunque andrà continuerà a vincere, non ho dubbi perchè andrà in un club che gli permetterà di lavorare come meglio crede e di utilizzare il suo metodo che è diverso da tutti gli altri. Il suo Barcellona sarà sempre ricordato come la migliore squadra della storia".

Sullo stesso argomento