thumbnail Ciao,

Il difensore blaugrana ne ha avute sia per il tecnico avversario che per il Real nel suo complesso, definito come una squadra famosa per il suo calcio poco spettacolare.

E' sempre Barcellona contro Real Madrid. Nella fattispecie, Gerard Piquè contro Josè Mourinho. Il difensore blaugrana ha attaccato frontalmente il tecnico delle Merengues, richiamando all'attenzione generale la sua vecchia lite con Vilanova (al tempo secondo di Guardiola), che quasi tentò di accecare dopo un 3-2 del Barça che permise ai catalani di vincere la Supercoppa, nell'agosto 2011.

"Mourinho? E' sempre uguale, non cambia mai - ha spiegato Piquè in conferenza-stampa - E' lo stesso che mise un dito nell'occhio di Tito". Un episodio che, secondo il giocatore, è stato rimosso un po' troppo in fretta dai media spagnoli.

"Finchè Mou vinceva tutto gli era permesso, ma non può essere criticato solo ora, da quando ha tenuto fuori squadra uno come Casillas", è la polemica lanciata dal difensore, che ha rifilato un'altra stoccata al Real nel suo complesso, definito come una squadra famosa per il suo gioco speculativo e ben poco spettacolare.

"Il Madrid non è mai stato famoso per giocare un buon calcio, anche se, finchè ci sarà la matematica, dovremmo temere anche loro per il titolo". Insomma, un attacco a 360 gradi: adesso si attende la replica dei Blancos, per quello che si prospetta come l'ennesimo ping pong dialettico tra le due società.

Sullo stesso argomento