thumbnail Ciao,

A poche ore dall'assegnazione del prestigioso premio individuale, i due maggiori sfidanti mostrano tranquillità. "Ho fatto il massimo, la coscienza è pulita"- dichiara CR7.

Il momento della premiazione è dietro l'angolo, Lionel Messi si avvicina a grandi passi verso l'incredibile poker di Palloni d'Oro, eppure la Pulce del Barcellona conferma la propria assoluta modestia, ammettendo come quello appena passato non sia di certo stato il suo anno più fulgido.

"Il 2012 non è stato il mio anno migliore''- ha spiegato Messi durante la tradizionale conferenza stampa antecedente la cerimonia del Pallone d'Oro. "Mi interessano di più i premi e i trofei a livello di squadra che i primati personali - dice ancora Messi - Ci sono state stagioni in cui con il Barcellona abbiamo vinto più titoli e per questo li ritengo i miei anni migliori''.

Qualche ora prima era invece toccato al maggiore sfidante dell'argentino minimizzare la portata dell'evento che si svolgerà oggi. ''Ho la coscienza tranquilla. Non è un premio da vita o morte. Se non vinco la vita continua''- ha infatti dichiarato a 'Marca' un Cristiano Ronaldo fatalista.

Infine il portoghese ha spiegato il motivo della sua mancata partecipazione al voto: "Presi un colpo con la nazionale e mi mandarono a casa. Non ho votato. Non ho capito però se il premio si assegna per meriti individuali o di squadra''.

Sullo stesso argomento