thumbnail Ciao,

Lo 'Special One' spende elogi per i bianconeri: "E' un vascello quasi inaffondabile, non importa se non c’è un Benzema o un Higuaín in una squadra così strutturata".

"Temo la Juventus, può vincere la Champions League". E se lo dice uno che la Coppa dalle grandi orecchie l'ha alzata al cielo già due volte, per giunta con squadre diverse, c'è da fidarsi: secondo Josè Mourinho, premiato a Dubai come miglior allenatore dell'anno, la Vecchia Signora è una delle squadre più accreditate alla vittoria finale in Europa.

Lo 'Special One' ha speso elogi per la formazione allenata da Conte: "Sarò sincero: la Juventus non mi piace perché la temo - le parole del tecnico del Real Madrid raccolte da 'Tuttosport' - E dico che può vincere la Champions League. È un collettivo, un insieme estremamente compatto, solido, un vascello quasi inaffondabile".

L'assenza del top player in attacco non è poi così importante secondo Mou: "Meglio così, molto meglio. E chissenefrega se bisogna scendere di molte posizioni nella classifica cannonieri della Serie A per trovare il primo marcatore juventino. Questo significa che il goal può arrivare da qualsiasi parte e in qualsiasi momento: da un centrocampista, da un attaccante, da un esterno, da un difensore. Lo dico sul serio: non importa se non c’è un Benzema o un Higuaín in una squadra così strutturata".

Una Juventus quadrata, solida, vincente, nella quale il tecnico del Real Madrid rivede proprio una delle sue creature: "Questa Juve mi ricorda molto il mio Porto del 2004. Se qualcuno, per caso, l’avesse dimenticato, quel Porto conquistò la Champions League nella finale di Gelsenkirchen".

Per la Champions però Madama dovrà fare i conti con un Mourinho aggueritissimo, che va a caccia della storica 'Decima' delle Merengues: "Il mio obiettivo dichiarato è quello di vincere la terza Champions League con tre squadre diverse: il Real dopo il Porto e l’Inter. Nessuno c’è mai riuscito. E per il Real Madrid sarebbe la decima Champions, unica squadra che andrebbe in doppia cifra".

Per questo sul proprio futuro a breve termine Mou non ha alcun dubbio: "Rispondo citando una frase di Sir Alex Ferguson: 'Sono troppo vecchio per esonerarmi'. E io, se me lo permettete, sono ancora troppo 'giovane' per esonerarmi'".

Sullo stesso argomento