thumbnail Ciao,

Il centrocampista del Fenerbahce squalificato lo scorso 16 dicembre per insulti omofobi e sputi contro l'arbitro, si è visto ridurre la "pena" di due terzi. Tornerà a Febbraio.

Colpo di spugna, almeno in parte, sul caso Raul Meireles. Il 29enne centrocampista portoghese, da questa stagione calcistica in forza ai turchi del Fenerbahce, si è visto ridurre dalla Federcalcio turca la squalifica subita dopo il derby contro il Galatasaray dello scorso 16 dicembre da 11 a soli 4 turni.

La notizia aveva fatto il giro del mondo in pochi minuti: 83' giro di orologio nel derby di Istanbul, Meireles si fa espellere per doppia ammonizione e poi, secondo l'accusa, prima mima un gesto dal significato omofobo nei confronti del direttore di gara e quindi rincara la dose con uno sputo.

Sputo che secondo la Commissione d'Appello della Federcalcio turca non c'è stato, come immediatamente affermato dal centrocampista ex Chelsea. Meireles si era subito difeso apertamente, dichiarando: "Sono una persona sezna pregiudizi, non sono omofobo. Ho un bimbo di 8 anni e non voglio che senta queste bugie. Le accuse contro di me sono diffamanti, agirò per vie legali".

E' bastato invece un semplice ricorso da parte della società del Fenerbahce per chiudere (a metà) la questione. Meireles tornerà quindi in campo il 3 febbraio nel match interno contro il Sivasspor. E siamo certi che da quel match in avanti sarà un osservato speciale da parte di direttori di gara, addetti alla prova tv e soprattutto tifosi avversari.

Sullo stesso argomento