thumbnail Ciao,

Vigilia movimentata per il Monaco di Claudio Ranieri, secondo in Ligue 2 obbligato a vincere. Due confitte e un pareggio nelle ultime gare per la squadra del Principato.

Prima l'eliminazione in Coppa di Francia con una squadra della terza lega, poi la quasi rissa tra Andrea Raggi e il portiere in seconda Martin Sourzac. Vigilia movimentata per il Monaco di Claudio Ranieri, secondo in Ligue 2 obbligato a vincere.

Due confitte e un pareggio nelle ultime gare per la squadra del Principato, con l'ex tecnico dell'Inter che aveva minacciato di "uccidere i suoi" in caso di sconfitta contro il Le Mans, in programma domani. Scintille tra tanti compagni. Insomma, clima da far west.

Sembrebbe quasi un pulp, un film alla Tarantino. O una pellicola con Bela Lugosi. Tanto sangue, tanta gloria. Quello che vuole Ranieri: "Quando l'allenamento è sanguinolento mi piace. Cose del genere sono buon segno, in carriera ne ho viste molte. Anzi, questa squadra è anche troppo calma per i miei gusti".

L'ex Bologna Raggi condivide in pieno dopo l'episodio che lo ha visto protagonista: "Sono situazioni che possono capitare in un allenamento, ma abbiamo comunque finito insieme la sessione.

Tutto questo dimostra che sentiamo la pressione. E' normale perché il Monaco è stato costruito per vincere e attraversiamo un momento delicato. La vittoria diventa fondamentale".

Sullo stesso argomento