thumbnail Ciao,

Nel mirino un gesto (secondo alcuni rappresenterebbe un atto sessuale, un insulto che richiama l'omofobia nel paese euro-asiatico) nei confronti del fischietto turco.

Bufera su Raul Meireles. L'ex centrocampista del Chelsea è accusato di omofobia in seguito al derby di Istanbul tra il suo Fenerbahce e il Galatasaray. Una della stracittadine più pericolose al mondo, una gara che fa sempre discutere.

Stavolta, a causa del portoghese. Il diretto interessato, infatti, avrebbe dato del gay Halis Özkahya, per poi sputarlo. Il giocatore nega tutto questo, dicendosi "molto seccato per queste accuse. Ho un bambino di otto anni, non voglio senta queste bugie".

Nel mirino un gesto (secondo alcuni rappresenterebbe un atto sessuale, un insulto che richiama l'omofobia nel paese euro-asiatico) nei confronti del fischietto turco. "Ho molti amici gay che rispetto profondamente.

Il gesto della mano che ho fatto era solo per indicare quanto ero spaventato dai tifosi. Guardate il mio taglio di capelli, quello che indosso, io non sono una persona con pregiudizi. Non sono omofobo".


"Le accuse contro di me sono diffamanti, userò le vie legali per proteggermi". Espulso per doppia ammonizione, il lusitano è stato multato e squalificato dalla federazione turca per ben undici giornate di campionato. Una decisione che farà discutere.

Sullo stesso argomento