thumbnail Ciao,

Il numero 10 ha parlato anche del suo ex allenatore Lippi, che sta facendo molto bene in Cina. "Le sue qualità sono indiscutibili, ha dato la sua impronta anche in Cina".

Il Sydney F.C. è al momento ultimo in classifica nella A-League, e le cose per la squadra non sono andate come Alessandro Del Piero si aspettava. Tanto che nei giorni scorsi si è messa in dubbio la permanenza nel club dell'ex numero 10 della Juventus.

Ma il diretto interessato, intervistato da 'Mediaset Premium', ha voluto spazzare via qualsiasi nube. "Sicuramente qualche mese fa non avrei pensato di trovarmi qui, - ha detto - ma questa adesso è la mia realtà ed il mio presente".

"Ora riesco a condurre una vita un po' più normale. - ha rivelato - Posso fare una passeggiata in centro o andare a fare la spesa e, anche se devo dire che a Torino hanno sempre rispettato tutti la mia privacy, fare queste cose era complicata".

Del Piero ha quindi smentito che sia lui la causa delle dimissioni del tecnico Ian Crook. "Qui c'è un clima più rilassato, - ha affermato - e non è vero che Ian Crook, l'allenatore, si sia dimesso perché pensava che allenare un giocatore come me fosse troppo stressante o difficile. C'è tanta voglia di imparare qui".

Chiusura su Marcello Lippi, tecnico del Guangzhou con cui Del Piero ha mantenuto buoni rapporti. "Ci sentiamo spesso, sono felice che lui stia facendo bene, - ha dichiarato - ha vinto campionato e coppa. E' riuscito a dare la sua impronta anche in Cina, d'altra parte le sue qualità da allenatore sono indiscutibili. Sono felice di aver mantenuto con lui, come con altri allenatori, un buon rapporto. C'è tanta voglia di imparare qui".

Sullo stesso argomento