thumbnail Ciao,

Il direttore di gara ha ammesso l'errore che lo ha portato ad assegnare il penalty e mandare anzitempo sotto la doccia il terzino giallonero: "Ho rivisto l'azione e chiedo scusa".

Episodio inconsueto in Germania, dove un arbitro chiede scusa dopo aver assegnato un calcio di rigore ed espulso un calciatore. E' successo a Dortmund, dove Wolfgang Stark ha fatto 'mea culpa' a seguito dell'errore durante il match di Bundesliga tra Borussia e Wolfsburg.

Durante il primo tempo, con i gialloneri avanti per 1-0, su un tiro di Dost il direttore di gara vede un fallo di mano sulla linea da parte di Marcel Schmelzer, terzino dei padroni di casa. Così, decide di assegnare il penalty ed estrarre il rosso per il difensore.

Le immagini televisive, però, hanno dimostrato che la sfera impatta sul ginocchio del calciatore per poi rimbalzare su un dito di Schmelzer. Alla fine, il Wolfsburg espugnerà il 'Westfalenstadion' vincendo 3-2. "Ho rivisto l'azione e devo chiedere scusa, c'é stato un errore da parte mia. Mi dispiace, non sarebbe dovuto accadere. Il rigore e il cartellino rosso sono stati uno sbaglio", ha ammesso Stark nel post-partita.

Dopo il match, alla luce delle dichiarazioni rilasciate dal 'fischietto' teutonico, la Federcalcio ha diramato una nota attraverso la quale ha fatto sapere che farà in modo che Schmelzer non riceverà alcuna giornata di squalifica per evitare un'ulteriore beffa al Borussia Dortmund.

Sullo stesso argomento