thumbnail Ciao,

Emre nei guai, l'ex Inter rischia il carcere: è stato denunciato dal Trabzonspor per insulti razzisti a Zokora

Il centrocampista dell'Altetico Madrid non è nuovo ad episodi di questo genere. Già nel 2007 rivolse frasi xenofobe nei confronti di tre giocatori dell'Everton.

Fulmine a ciel sereno per l'ex centrocampista dell'Inter Emre Belozoglu. Il giocatore turco, oggi titolare nell'Atletico Madrid di Simeone, rischia tra i 6 mesi e i due anni di carcere a causa di insulti di matrice razzista mossi verso Didier Zokora, giocatore del Trabzonspor.

I fatti risalgono allo scorso 15 aprile, durante la scorsa stagione, in cui il 'colchonero' giocava in patria, nel Fenerbahce: "Dopo una discussione in campo, -raccontò allora Zokora-, mi ha insultato dandomi del 'negro'. La cosa che mi trasmette maggiore tristezza è che Emre è compagno di squadra di Sow e Yobo, entrambi giocatori di colore". La Federazione turca lo punì con due giornata di squalifica, ma il Trabzonsopor ha comunque deciso di ricorrere al penale. Se verranno provati gli insulti, Emre rischierebbe addirittura il carcere.

Il giorno dopo l'accaduto in campo, Emre confessò di aver pronunciato qualche sproposito, negando fermamente qualsiasi sorta di xenofobia con parole forti: "Possa Dio strapparmi il cuore se nelle mie parole c'è stato anche solo un po' di razzismo!".  Tra l'altro, è anche recidivo ad episodi di questo genere. Nel 2007, quando era nelle file del Newcastle, rivolse frasi discriminanti nei confronti di ben tre giocatori dell'Everton. Fu questo che lo spinse ad abbandonare la Gran Bretagna e tornare in patria.

Sullo stesso argomento