thumbnail Ciao,

"Con lo svedese gioco in spazi più stretti, con l'uruguaiano ci sono più varchi - dice il 'Pocho' - Il Napoli? Non mi sorprende che sia lassù, spero vinca il campionato".

Quando giochi come partner d'attacco di Edinson Cavani e poi di Zlatan Ibrahimovic non dev'essere una brutta vita. Sono due fuoriclasse, e chi ci gioca accanto non può che giovarne. Però sono attaccanti diversi, e nessuno meglio del 'Pocho' Lavezzi può spiegare in che senso.

Da Parigi, l'ex napoletano analizza le differenze tra l'uruguaiano e lo svedese. "Con Ibra gli spazi sono più stretti, perché lui gioca prettamente spalle alla porta - afferma in conferenza stampa - mentre con Edi potevo godere di spazi più ampi, in quanto si muove bene e crea molti varchi".

Di certo, il funambolo argentino, un po' in difficoltà dal suo arrivo al Paris Saint Germain a causa di qualche problema fisico, non si può lamentare: ha un compagno d'attacco fenomenale quest'anno, ce l'ha avuto nelle ultime due stagioni di Napoli. E proprio agli azzurri il 'Pocho' rivolge un pensiero.

"Ha qualità e giocatori che giocano assieme da tempo - dice - per cui è normale la grande stagione che sta disputando. Per me è normale che si trovi tra le prime in classifica. E spero che possa far felici i propri tifosi vincendo il campionato".

Sullo stesso argomento