thumbnail Ciao,

Lo spagnolo non è d'accordo con l'esonero dell'italiano. Altro problema per Abramovich: i tifosi fanno la guerra a Benitez, Terry rimpiange pubblicamente l'ex manager.

Arrivato al Chelsea per aumentare la già folta colonia spagnola, Cesar Azpilicueta ha fatto in tempo a conoscere Di Matteo soltanto per pochi mesi. Poi, il tecnico italiano è stato esonerato. Decisione, quella della dirigenza dei 'Blues', su cui il terzino non è per nulla d'accordo.

"Non è stata colpa sua - ha detto il giocatore prelevato in estate dai francesi del Marsiglia - In campo ci andiamo noi, e certe volte facciamo cose che non possono essere imputate all'alleneatore. Per cui credo che la colpa sia di noi calciatori, e non di Di Matteo".

Una dichiarazione che non sarà piaciuta a Roman Abramovich, già alle prese col malcontento dei tifosi del Chelsea: la stragrande maggioranza rimpiange Di Matteo e, cosa più sgradita, fa la guerra a Rafa Benitez, il nuovo allenatore.

Pure un'istituzione come John Terry non ha mai nascosto il proprio disappunto per l'allontanamento di colui che ha sempre considerato un modello, sin dai tempi da giocatore. Il capitano dei londinesi si è tra le altre cose allenato con la maglia numero 16, la stessa che indossava Di Matteo quando giocava.

Sullo stesso argomento