thumbnail Ciao,

"La vittoria della Champions è stata il momento più alto della storia del club e della mia carriera - ha detto l'ex manager - Ringrazio tutti, e auguro loro tanti successi".

La ferita brucia ancora, e non può che essere così. Ma Roberto Di Matteo, esonerato da poche ore dal Chelsea, è un signore, e alla polemica preferisce i ringraziamenti verso chi gli ha concesso l'opportunità di sedersi sulla panchina dei 'Blues'.

"Per me essere nominato allenatore di una società dove ho giocato e che porto nel cuore è un onore - ha detto il manager italiano al sito della 'League Managers Association' - Sono estremamente orgoglioso dei trofei che ho conquistato negli ultimi mesi".

I trofei in questione sono la FA Cup vinta a Wembley sul Liverpool, ma soprattutto la Champions League, la prima della storia del Chelsea, conquistata a Monaco di Baviera sul Bayern. "Il momento più bello della storia del club, e anche della mia carriera da giocatore e allenatore" ha detto Di Matteo.

Per concludere, un pensiero dolce verso i suoi ex ragazzi e verso il club londinese, che ora sarà allenato da Rafa Benitez. "Ringrazio il mio staff, i giocatori e i tifosi per il supporto che mi hanno dato, e auguro loro tante vittorie, in questa stagione e nelle prossime".

Sullo stesso argomento