thumbnail Ciao,

L'attaccante del Twente classe 1992, ex interista, non è potuto tornare nella sua vecchia squadra: "Il direttore tecnico mi ha spiegato cheil club non avrebbe potuto pagare".

Doveva essere parte della giovane rinascita dell'Inter. Peccato che dopo sei presenze e un goal decisivo in Serie A, Luc Castaignos è stato rispedito in Olanda, al Twente. Lui, però, avrebbe voluto un epilogo decisamente diverso.

"La prima cosa che volevo era andare a giocare in prestito al Feyenoord" ha riferito il classe 1992 sentito da 'RYV'. "L'Inter, però, era contraria a questa soluzione. Alla fine hanno deciso di vendermi, ma non sono andato di nuovo nella mia vecchia squadra".

Lì il direttore tecnico ha parlato sinceramente: "Martin van Geel mi ha spiegato che il club non avrebbe potuto pagare". Da qui l'ovvia decisione del ritorno olandese, ma in una nuova squadra: "Io continuo per la mia strada, come ho fatto fino ad ora".

"Sarò sempre grato al Feyenoord, perché se sono dove mi trovo è in gran parte merito loro. Oggi, però, sono un giocatore del Twente". Rispetto alla parentesi italiana con la casacca nerazzurra, Castaignos ora ha la maglia da titolare più o meno assicurata.

Sullo stesso argomento