thumbnail Ciao,

Nonostante il difensore del Chelsea sia stato prosciolto dalla Corte ministeriale di Westminster, la Commissione scelta dalla Federcalcio inglese ha invece deciso di sanzionarlo.

Nonostante lo scorso luglio sia stato giudicato innocente dalla Corte ministeriale di Westminster, e dunque prosciolto dalle accuse di aver rivolto insulti razzistici nei confronti di Anton Ferdinand,  la Commissione disciplinare della Football Association ha invece ritenuto colpevole di razzismo John Terry, squalificando quest'oggi il difensore centrale del Chelsea per quattro turni e infliggendoli una multa di 220 mila sterline.

Il trentunenne, proprio per le ingerenze della Federcalcio inglese, aveva annunciato ufficialmente pochi giorni fa la decisione di lasciare la Nazionale inglese. L'episodio incriminato risale all'ottobre del 2011, quando durante la sfida fra Qpr e Chelsea, vinta dai primi 1-0, si scatenò in campo una rissa.

Terry avrà ora 14 giorni di tempo per presentare ricorso contro la decisione presa dalla Football Association. La sanzione resta sospesa finché non passerà il tempo in cui il difensore potrà inoltrare il ricorso.

Il leader dei Blues si è sempre dichiarato innocente in merito alle accuse di razzismo, e la sua versione dei fatti è stata evidentemente ritenuta attendibile da Scotland Yard. Di diverso avviso, invece, la Federcalcio inglese. Che rischia di privare Roberto Di Matteo di un elemento fondamentale della rosa in un momento molto delicato della stagione.

Sullo stesso argomento