thumbnail Ciao,

Dopo il clamoroso sabotaggio elettrico allo stadio del Rayo Vallecano, le merengues escono vittoriosi ma senza smalto. Xavi, magia all’87° e quinta vittoria di fila

Il Real riprende a sorridere, il Barcellona rimane saldamente in testa a punteggio pieno grazie al suo capitano. In una giornata surreale nella quale viene rimandata a lunedì la partita tra Rayo Vallecano e Real Madrid per un sabotaggio avvenuto allo stadio Vallecas della capitale, spiccano le vittorie di Maiorca (sul Valencia) e Siviglia (sul Depor) che si piazzano ad 11 punti appena quattro lunghezze sotto la capolista.

COS'E' SUCCESSO – Detto dello spostamento della gara dei blancos al giorno successivo rispetto a quello previsto, il sabato già si era reso interessante per la partita del Barça che ha faticato molto per avere la meglio sul Granada, tenuto in piedi dagli interventi del portiere Toño che ha salvato la baracca fino all’87° minuto quando capitan Xavi ha trovato il jolly con un destro perfetto all’incrocio che ha condannato la volenterosi squadra andalusa alla sconfitta. Si è parlato più del mini-battibecco tra Messi e Villa, ma è stato semplice come un azione in velocità tra i due smentire ogni dissapore nelle dichiarazioni post-partita.

Tra le partite per la zona di metà classifica, si fa notare la grande vittoria del Saragozza contro l’Osasuna che rimane a un solo punto in graduatoria, mentre le vittorie casalinghe di Levante, Betis e Celta esaltano il divario tra queste e le concorrenti rimaste indietro come come Espanyol e Granada. Fa effetto però vedere ferme a cinque punti sia Athletic che Valencia, vittime del loro gioco ancora impacciato e poco efficace sia in casa che fuori. Lo 0-0 del San Mamès tra baschi e il Màlaga è una rarità in un torneo dove spesso se si pareggia lo si fa con tanti goal.

IL TOP – Xavi non solo è un centrocampista di costruzione tra i più forti al mondo e forse il numero uno. Non solo è in grado di gestire il pallone come pochi. Ma in partite dove tiri venti volte e non segni mai, è anche quello che ti toglie le castagne dal fuoco e segna il goal che sblocca la situazione. Perfetto, cosa chiedergli di più?

IL FLOP – I portieri hanno fatto solo grandi figuracce questo weekend: prima l’errore di Courtois ha fatto tremare l’Atletico che si trovava tranquillamente sul 2-0 con il Valladolid, più grave per il risultato invece la papera di Diego Alves del Valencia che spalanca la porta alla vittoria del Maiorca, un po’ a sorpresa in effetti. Disastrosi…ma si riprenderanno, non sono poi così male.

LA SORPRESA – Un Maiorca così quadrato e solido non si vedeva da parecchio. La squadra di Caparròs ha un ruolino ottimo che grazie ai 4 goal fatti ma ai soltanto due subìti si è messa tra le prime della classe a quota undici. Senza nomi di spicco ma sempre in grado di pungere, può essere nuovamente la sorpresa se trova anche continuità in attacco.

TOH CHI SI RIVEDE – Che gioia dopo aver fatto quel goal a cinque minuti dalla fine. Oba Oba Martins torna, dopo aver firmato per il Levante, al calcio giocato e subito diventa decisivo per le sorti dei rossoblu di Valencia. Due reti annullate prima di quella finale che regala tre punti ai suoi, consentendogli un pomeriggio da star dopo tanto, tanto tempo. Bentornato.

LA CHICCA – Il rinvio di Rayo – Real Madrid può essere legato a parecchie ipotesi…ma, di certo, il fatto che la società biancorossa abbia deciso all’ultimo che gli abbonamenti non valevano più per questo derby con il Real ma andava acquistato un ticket a parte, ha contribuito a far arrabbiare la tifoseria locale, che viene immaginata come la responsabile del taglio dei cavi elettrici dell’impianto. Magari un po’ di rispetto per i supporter aiuterebbe ad evitare bravate spiacevoli come questa, seppure civile e non “terroristica” come ha malauguratamente detto il presidente del Rayo. Ci vuole un po‘ di buon senso…

Sullo stesso argomento