thumbnail Ciao,

Il Milan deve rimpiangere anche Seedorf? Doppietta dell'olandese nel pari del Botafogo

Nel 2-2 contro il Corinthians l'ex rossonero ha segnato entrambi i goal dei carioca, tagliati fuori dalla lotta per il titolo: "Gioco più avanzato, ciò mi beneficia".

Sembra quasi un segno del destino: mentre il Milan arranca e non trova pace, chi ha svestito la maglia rossonera solo qualche settimana fa continua a far goal. Ibrahimovic sta volando, e con lui il Paris Saint Germain. E Clarence Seedorf ieri ha messo a segno una doppietta, nel pareggio casalingo del suo Botafogo contro il Corinthians.

L'olandese, dieci stagioni in rossonero e una lista di trofei lunga così, è già un idolo della tifoseria del 'Fogo'. Ieri, all'Engenhão di Rio de Janeiro, ha segnato l'1-0 dopo pochi minuti con una zampata sottomisura, e poi il definitivo 2-2 nella ripresa, aiutato da una deviazione di Wallace che ha reso il suo destro imparabile per il portiere corinthiano Cassio

Con la doppietta di ieri sera, Seedorf è così giunto a quota 6 centri in 13 partite: bottino niente male. Merito, secondo lui, di un'adeguata collocazione tattica: "Sto giocando un po' più avanzato rispetto a quando sono arrivato - ha dichiarato alla stampa brasiliana al termine della partita - e per chi vuole segnare è ideale". 

Il problema, per il Botafogo, è che si tratta dell'ennesimo campionato mediocre dell'era recente. I carioca non si laureano campioni dal 1995, e non vinceranno nemmeno quest'anno. Il Brasileirão è infatti una questione a due o a tre: Fluminense e Atletico Mineiro lottano gomito a gomito in vetta, col Gremio più staccato. Per il 'Fogo' l'unica meta è la qualificazione alla Libertadores.

Sullo stesso argomento