thumbnail Ciao,

Attualmente deputato federale, il 'Baixinho' pretende l'esonero dell'allenatore: "Con l'Argentina altra prestazione orribile, ai Mondiali non passeremo neppure la prima fase".

Mano Menezes e Romario non si sopportano. E, a periodi alterni, se ne dicono di ogni colore. Per la verità, è l'ex attaccante a scagliarsi con frequenza contro il ct del Brasile. Scontento del gioco espresso dalla nazionale, il 'Baixinho' è arrivato a chiedere l'esonero dell'allenatore addirittura al presidente Dilma Rousseff.

Il campione del Mondo del 1994, oggi deputato federale, utilizza il proprio blog per esprimere i propri pensieri. Ma ama affidarsi anche a Twitter e Facebook. E proprio da questi due mezzi ha rivolto un appello a Dilma: "Presidente, per l'amor di Dio, prendi una decisione. Hai tutto il diritto di intervenire".

"Se continuiamo con questa squadra non passeremo nemmeno la prima fase dei Mondiali - ha scritto un furioso Romario - Con l'Argentina abbiamo vinto per 2-1 su rigore, ma è stata un'altra vittoria non convincente e, quel che è peggio, l'ennesima prestazione orribile del Brasile".   

Proprio questa è l'accusa di Romario a Mano Menezes: quella di non dare un'identità di gioco precisa a una Nazionale che gli elementi per far bene ce li ha, da Neymar a Lucas a Oscar. In più, le spesso discutibili scelte del ct in sede di convocazioni sono un altro aspetto che all'ex bomber non va giù. E nemmeno a molti tifosi brasiliani.

Sullo stesso argomento