thumbnail Ciao,

I documenti ufficiali rivelano che i tifosi rimasti uccisi a Sheffield nella semifinale di FA Cup Liverpool-Nottingham non avevano colpe. E Cameron si scusa con i familiari.

Clamorosa svolta nell'inchiesta sul dramma di Hillsborough, lo stadio di Sheffield, dove 23 anni fa (15 aprile 1989) in occasione della semifinale di FA Cup tra Liverpool e Nottingham Forrest persero la vita 96 persone. I documenti pubblici resi noti in giornata hanno evidenziato che i tifosi rimasti uccisi non avevano alcuna colpa per quanto avvenuto.

Oltre 8.500 giorni dopo, dunque, una sconvolgente verità viene a galla: la versione fornita dalla polizia del South Yorkshire e diffusa da un vecchio articolo del 'The Sun' intitolato 'The Truth' ('La Verità'), secondo cui i sostenitori presenti provocarono le forze dell'ordine e impedirono i soccorsi, è stata 'smontata' dagli atti che ne certificano l'innocenza.

La notizia ha lasciato sgomenti i familiari delle vittime, a cui sono state recapitate le 400 mila pagine dei documenti relativi all'inchiesta. Con il Primo Ministro britannico, David Cameron, che non ha potuto far altro che scusarsi con loro in diretta televisiva.

"Le nuove prove che sono state rese pubbliche oggi - ha affermato - rendono chiaro che queste famiglie hanno subito una doppia ingiustizia. L'ingiustizia della tremenda tragedia, il fallimento dello stato nel proteggere i loro cari. E l'imperdonabile attesa prima di poter scoprire la verità che ha generato l'ingiustizia della denigrazione di chi è morto, di chi sinora è stato ritenuto colpevole della propria morte".

"Quindi, a nome del governo e del nostro paese - ha concluso il Primo Ministro britannico Cameron nel corso del suo intervento davanti alle telecamere - chiedo scusa per quanto è accaduto e non è stato fatto a lungo".

Sullo stesso argomento