thumbnail Ciao,

Leonardo vede nella vittoria di Lille un punto di svolta: "La vittoria con il Lille è importante per il nostro morale, le qualità tecniche le abbiamo, questo è solo l'inizio".

Ci sono volute quattro partite, alla fine però il PSG è riuscito ad ottenere la prima vittoria del suo campionato. La compagine parigina, è infatti riuscita ad espugnare il difficile campo del Lille grazie ad una doppietta del solito Zlatan Ibrahimovic.

Una vittoria che è servita non solo per migliorare la classifica, ma anche e soprattutto per risollevare il morale, così come si evince dalle parole di Leonardo, l'architetto di quello che è stato definito in Francia il Dream Team.

"Abbiamo iniziato il campionato con una certa pressione, questo a causa del progetto che c'è a monte. Noi però non siamo intimoriti, è solo essenziale mostrare lo spirito giusto. La vittoria con il Lille è importante per il nostro morale, le qualità tecniche le abbiamo, questo è solo l'inizio. Ibrahimovic? Non si parla più di cio che è, ma dei goal che fa. E' questo, è immenso".

Un po' meno entusiasta è parso invece Carlo Ancelotti che ha scelto una linea più prudente: "Ho visto una buona organizzazione difensiva, un atteggiamento positivo, un buon gioco in attacco e le straordinarie capacità di Ibrahimovic. Abbiamo battuto una squadra forte ma i nostri problemi non sono ancora risolti".

Ancelotti sa che questo non è ancora il vero PSG: "Con il Lille abbiamo fatto bene, favoriti anche dal goal in apertura. E' una vittoria che ci da fiducia ma per costruire la squadra che noi vogliamo ci sarà bisogno ancora di tempo. Ibra ha fatto benissimo, e non parlo solo dei goal, Verratti ha un potenziale fantastico ma a volte gioca con troppa fiducia. L'ho sostituito perchè era stato ammonito".

Sullo stesso argomento