thumbnail Ciao,

Sul tavolo dell'Uefa, dato lo scarso appeal dell'Europa League, il progetto di una fusione tra questa e la Champions, che dia vita ad un'unica grande manifestazione per club.

Michel Platini ci ha provato, con una decisa spolverata, a rilanciare la vecchia Coppa Uefa. Nel 2009 ecco infatti il cambio di nome e formula, tutte mosse inutili a quanto pare. Troppo ampio infatti il divario tra la ricca Champions League e la seconda competizione continentale per club, rimasta sempre la Cenerentola dell'Uefa, priva peraltro anche della zucca da poter trasformare in carrozza.

Oggi dunque, come riporta 'TuttoSport', dalle parti di Nyon, ci si interroga sulle strategie da adottare dopo il 2015, data in cui scadranno gli accordi televisivi in essere, che impediscono un immediato e repentino cambio di formula. Allo studio a quanto pare ci sarebbe nientemeno che la fusione tra Champions ed Europa League, fusione che assomiglierebbe tanto all'inglobamento, stile Pac-man, della competizione minore all'interno della manifestazione regina.

Nel caso quest'ipotesi divenisse realtà ci troveremmo dinanzi ad una maxi coppa, con esponenziale crescita dei club partecipanti e gare spalmate su tre serate, presumibilmente martedì, mercoledì e giovedì. Platini avrebbe poi in mente di spostare al week-end, oltre che la finale, come già accade dal 2010, anche le semifinali, creando una settimana dedicata all'assegnazione di tutte le maggiori competizioni Uefa nella stessa città.

In questa mega kermesse rientrerebbero infatti anche la Coppa Campioni femminile e la Champions League Under 19, al via nella stagione 2013-14 sotto l’egida Uefa, dopo i primi esperimenti della Next Generation Series, organizzata da privati.

Sullo stesso argomento