thumbnail Ciao,

Luis Enrique, contattato da un quotidiano spagnolo dice la sua sulla situazione del club campione del mondo dopo il clamoroso addio di Guardiola. "L'addio di Pep mi ha sorpreso".

Diciamocelo pure, l'identificazione fra Luis Enrique e la sua provenienza barcelonista è sempre stata evidente, ma a tratti fin troppo rimarcata dagli addetti ai lavori. Il risultato è stata l'implosione improvvisa del progetto del "hombre vertical" che ha trascinato la Roma in una stagione di totale anonimato, seppur con qualche sprazzo del famigerato tiki-taka di stampo blaugrana.

Ora che il tecnico asturiano spende le sue giornate da turista felice - fino a qualche giorno fa era ancora in visita a Roma - torna a parlare di calcio, chiamato in causa da un quotidiano iberico. Il centro dell'attenzione, neanche a dirlo è proprio il Barcellona: "Sono realmente sorpreso dall'addio di Pep, in questa stagione non me lo sarei davvero mai aspettato".

Sono queste le dichiarazioni dello spagnolo, da qualcuno avvicinato a più riprese alla panchina del club, poco prima che fosse ufficializzato Tito Vilanova.

Ad ogni modo l'asturiano rispetta la decisione di Guardiola, suo grande amico e suo mentore, affermando: "Sono convinto che, se ha preso questa decisione, è perchè sentiva forte il bisogno di staccare, ma di certo avrà modo di tornare presto su una grande panchina". Stessa necessità tra l'altro avvertita da Luis Enrique, che ha lasciato il timone giallorosso nonostante l'appoggio di società, squadra e gran parte dei tifosi.

Al momento la decisione dell'anno sabbatico accomuna i due tecnici, che seppur con storie differenti, hanno in comune un trascorso sia da giocatori che da tecnici blaugrana.

Chissà che Luis Enrique non fosse interessato alla panchina e che la decisione improvvisa di Guardiola non lo abbia spiazzato anche per questo? Di certo speriamo di rivedere i due tecnici presto in panchina per dare seguito alle loro eleganti idee di calcio.

Sullo stesso argomento