thumbnail Ciao,

La durissima presa di posizione di Lahm: "Nell'attuale politica dell'Ucraina non ritrovo nulla del mio punto di vista sui diritti democratici fondamentali dell'uomo".

La questione sull'opportunità politica prima che sportiva (anche le infrastrutture sono state infatti criticate) che i prossimi Europei di calcio si disputino in Ucraina (oltre che in Polonia) sta sempre più infiammando il dibattito, a mano a mano che si avvicina l'inizio della rassegna continentale.

Dopo le polemiche dei giorni scorsi, sull'onda delle foto che hanno ritratto i presunti maltrattamenti patiti in carcere dall'ex Premier Iulia Timoshenko, ora esce allo scoperto anche Philipp Lahm, con parole durissime al settimanale 'Der Spiegel'.

"Nell'attuale politica dell'Ucraina non ritrovo nulla del mio punto di vista sui diritti democratici fondamentali dell'uomo, e sulle libertà individuali e di stampa. Quando vedo come quel regime tratta Iulia Timoshenko, ciò non ha nulla a che vedere con la mia idea di democrazia. E penso che Platini dovrebbe prendere posizione, sono curioso di sapere quello che dirà".

Qualora la Germania dovesse raggiungere la finale, in programma a Kiev, i giocatori potrebbero trovarsi di fronte l'attuale presidente ucraino Viktor Yanukovich. A chi domanda se gli stringerebbe la mano, il Capitano della nazionale tedesca risponde: "E' una cosa che dovrei considerare con molta attenzione. Ma per quanto ne so io la cerimonia di premiazione è condotta solo da gente dell'Uefa".

Sullo stesso argomento