thumbnail Ciao,

I rossoneri conquistano tre punti preziosi mettendo in mostra individualità in crescita, da Montolivo al Pazzo. Dal mercato la spinta per credere nell'impresa.

Un Milan cinico e non proprio bellissimo fa suoi i tre punti importanti contro il Bologna grazie alla doppietta di Giampaolo Pazzini. L’ex attaccante di Sampdoria e Inter decide una gara sofferta e si conferma bestia nera del Bologna, visto che dei dieci gol in campionato, ben la metà li segna alla squadra rossoblù.

Finisce 2 a 1 e, come contro il Siena, i rossoneri soffrono troppo nelle battute finali, specialmente nelle mischie aeree. Sette punti su nove conquistati in questo inizio di 2013: non male per la squadra di Allegri, che torna prepotentemente in zona Europa (ora sono due i punti dalla Fiorentina, quinta forza del campionato, ed ultimo posto disponibile per le coppe).

Magari parlare di “rinascita” Milan è ancora presto, però sta di fatto che oggi Constant è stato il migliore in campo, poi Abate (per il quale è sempre viva l’attenzione dello Zenit) sembrava aver ritrovato lo smalto migliore, infine Zapata e Mexes si son ben intesi nonostante l’autogol del francese.

LA PARTITA | MILAN-BOLOGNA 2-1

TIRI
IN PORTA
POSSESSO
ANGOLI

FUORIGIOCO

CARTELLINI

MILAN
24
7
56%
8
1
1

BOLOGNA
6
2
44%
1
1
3

A centrocampo bene Montolivo, vero leader del Milan, mentre Flamini e Boateng non hanno brillato. Al francese e al ghanese non sono mancati fischi durante il match. Ha portato quantità in mezzo Traoré, che è entrato nel finale, mentre in attacco ha brillato Niang che sembra aver trovato finalmente spazio.

El Shaarawy ha corso tanto, ma non ha trovato il gol per la quarta volta consecutiva in campionato (l’ultimo centro in A risale al 16 Dicembre contro il Pescara, mentre è andato a segno a Gennaio nella sfida di coppa Italia allo Juventus Stadium n.d.r), anche se non si può parlare di crisi, perché il Faraone ha comunque messo in difficoltà la retroguardia bolognese.

Discorso a parte merita Pazzini, match winner con una doppietta. Dopo aver sprecato per 60’ diverse palle gol, alcune anche semplici, al 64’ ha trovato il vantaggio anche con un pizzico di fortuna. Nel finale, invece, il 2 a 0 è stato un “capolavoro”: stop, pallonetto a Portanova e botta al volo di destro che non ha lasciato scampo ad Agliardi.

Ora la classifica dice 34 punti, a 36 c’è la Fiorentina e la zona Champions dista 9 punti. Difficile arrivarci anche per la lotta con Roma, Inter e i viola, ma in questi ultimi dieci giorni di mercato il Milan potrebbe mettere a segno colpi importanti. I nomi sono sempre quelli: Kaka e Balotelli.

Ben avviata la trattativa con il brasiliano, in settimana ci potrebbe essere l’ufficialità, visto che da Madrid sembrano giungere segnali di ottimismo, mentre per Balotelli si aspetterà che il City scenda dalla richiesta di 37 milioni come ha confermato Galliani prima del match di ieri. Occhio alle sorprese, insomma. Fino alle 19:00 del 31 Gennaio potrebbe succedere di tutto...

Sullo stesso argomento