thumbnail Ciao,

La squadra di Petkovic necessita di un'alternativa a Radu, un mediano tuttofare e una seconda punta in grado di fare da 'spalla' a Klose: la palla passa alla dirigenza.

Tre punti di distanza dalla vetta e tre competizioni da giocare non bastano evidentemente per mettere mano al portafoglio. Una Lazio senza Dias, Konko, Ederson e Klose e con Gonzalez e Candreva in panchina acciaccati, non riesce a sbarazzarsi di un Palermo tutto cuore e polmoni.

L’episodio del goal regolare annullato a Floccari, che 'compensa' quello assegnato contro l’ Atalanta, non può e non deve essere un alibi. La solidità difensiva della squadra di Petkovic non può sempre risolvere situazioni difficili come quelle del 'Barbera', dove la grinta dei padroni di casa riesce ad aggirare una maggiore qualità complessiva degli avversari.

LA PARTITA | PALERMO-LAZIO 2-2

TIRI
IN PORTA
POSSESSO
ANGOLI

CARTELLINI

FUORIGIOCO

PALERMO
8
3
52%
6
3
1

LAZIO
11
6
48%
2
3
1

La Juventus non aspetta, dietro non c’è una grande distanza, occorre fare subito qualcosa di importante. La doppia sfida in Coppa coi campioni d’Italia, il calendario fitto, il Borussia Monchengladbach che attende sornione: troppa carne al fuoco. E’ arrivato il momento di agire sul mercato, di rimpolpare una rosa carente sotto alcuni punti di vista.

Lo 'Special three' non può sempre inventarsi moduli e cambi decisivi, nonostante finora ci sia riuscito praticamente sempre. Prevenire è meglio che curare diceva un vecchio spot e, guardando gli ultimi due campionati 'rejani', non crediamo che ci sia ancora la voglia di piangere sul latte versato. In soldoni, cosa manca? La Lazio ha tre ottimi portieri, in difesa manca solamente una giovane alternativa a Radu dato che spostare Lulic non si è dimostrata una grande idea.

A centrocampo serve assolutamente un giocatore in grado di intercambiarsi con i mediani difensivi, ovvero un uomo che possa sostituire Ledesma e anche Gonzalez e Hernanes. I nomi? Il solito Nainggolan risolverebbe tutti i problemi, essendo bravo nell’impostazione, nel pressing e negli inserimenti. Sulle fasce si attende giustamente il recupero di Ederson, giocatore di classe e tecnica frenato però da problemi muscolari che si porta dietro dalla Francia.

Il lancio in prima squadra del giovanissimo Keita potrebbe portare freschezza e gamba, ma fidarsi di un giocatore non ancora maggiorenne potrebbe essere un rischio. Eccoci arrivati al dunque, dove sta il vero problema della Lazio? Klose è indiscutibile e Floccari si è dimostrato all’altezza come sua riserva, ciò che manca veramente è una seconda punta rapida che salti l’uomo.

I nomi? Tare è bravo, informato e capace di pescare giocatori validi a prezzi contenuti. Servirebbe uno Zarate psicologicamente e fisicamente presentabile, uno che spezzi in due la partita e che permetta di non appoggiarsi unicamente sul modulo a una punta. Gomez, Sau, Nicola Sansone, nomi già scritti e redatti più volte. La palla passa alla dirigenza, questa volta non si può più sbagliare…

Sullo stesso argomento