thumbnail Ciao,

L'esclusione di Falcao dal trio di finalisti per il Pallone d'Oro del 2012 fa discutere: Iniesta, Messi e Cristiano Ronaldo meritavano più del bomber dell'Atletico Madrid?

Non sono bastati 43 goal in - partite ufficiali disputate, fin qui, nel 2012, per permettere a Radamel Falcao di entrare in lizza per il Pallone d'Oro. Qualcuno ha urlato allo 'scandalo', per qualcun altro, invece, l'appuntamento è soltanto rimandato.

E' vero, è stato l'anno degli Europei che lui, in quanto colombiano, non ha avuto modo di disputare. Così come la Champions League, non disputata nè per la seconda parte dell'edizione 2011-2012 nè in quella attualmente in corso.

I NUMERI DI FALCAO NEL 2012
50 Partite disputate
43 Goal segnati
2 Trofei vinti
0,86 La media-goal per partita
In Europa, però, Falcao il segno lo ha lasciato eccome: con ben 12 reti è stato il protagonista assoluto della cavalcata dell'Atletico Madrid in Europa League, culminata con la vittoria in finale sull'Athletic Bilbao, gara in occasione della quale 'El Tigre' ha messo a segno una doppietta decisiva per la vittoria finale.

Non pago, meno di quattro mesi dopo ha rifilato una sonora lezione al Chelsea in Supercoppa Europea, realizzando tre reti meravigliose e contribuendo in maniera decisiva al trionfo del suo Atletico Madrid. Cinque goal in due finali, due trofei alzati al cielo come capocannoniere e leader indiscusso della squadra di Diego Simeone.

Se ciò non bastasse, Falcao ha già messo insieme 11 reti in altrettante gare di campionato disputate in questo inizio di stagione, che vanno a sommarsi alle 24 collezionate nella Liga 2011-2012. E' chiaro che, negli anni, Ronaldo e Messi - così come Iniesta - hanno dimostrato di essere dei campioni destinati a lasciare un segno indelebile nella storia del calcio, ma Falcao quest'anno avrebbe sicuramente meritato di star lì, sul podio. Vada per Messi ma, titoli a parte, nè CR7 nè il 'fantasmino blaugrana' hanno fatto meglio di lui.

L'attaccante colombiano è sicuramente il centravanti più forte del Mondo, un 'numero 9' vero che il calcio europeo non vedeva dai tempi di Gabriel Omar Batistuta. Senso del goal, tecnica, abilità nel gioco aereo e nell'acrobazia, classe e personalità: Falcao ha proprio tutte le carte in regola per alzare un Pallone d'Oro, persino davanti a Messi e Ronaldo.

Impossibile che ciò accada quest'anno, ma se Falcao continuerà a giocare così e, magari, riuscirà ad essere devastante anche in Champions League, questo momento potrebbe non essere tanto lontano.

Segui Renato Maisani su

Sullo stesso argomento