thumbnail Ciao,

Il brutto ko dell'Olimpico allunga ad un mese la striscia senza vittorie dei bianconeri. Ancora un netto passo indietro per la banda del 'Guido': a quando il salto in avanti?

Ed occorre fermarla il prima possibile. Questa palese involuzione comincia infatti a fare paura. E non solo per il 3-0 senza storie subito dalla Lazio all'Olimpico. Non solo perchè l'ultima vittoria risale precisamente ad un mese fa, ed infine non solo perchè la zona rossa è adesso lontana un altro punticino in meno.

Quello che preoccupa sono i numeri. Spesso nel calcio non contano, ma leggendoli è indubbio che inducano a riflettere. L'Udinese è infatti ultima come possesso palla, ultima come tiri in porta, ultima come angoli battuti e ultima come percentuale di passaggi realizzati. E se è vero (come è vero) che i Pozzo stanno sempre attenti ai conti, allora dovrebbero dare un'occhiata ai suddetti. La squadra deve ritrovarsi, al più presto. Perchè , come dice tristemente Guidolin, "non può essere questa la vera Udinese, altrimenti faremo poca strada".

COSA VA -
Analizzando il tracollo dell'Olimpico è davvero difficile trovare qualcosa di positivo. Probabilmente la classica reazione al primo schiaffo, che Brkic ha schivato neutralizzando dopo dieci minuti il rigore di Ledesma. L'Udinese ha reagito, Di Natale ha preso pure una traversa su punizione e i meccanismi di gioco sembravano funzionare. Sembravano, appunto.

COSA NON VA - Fare peggio di gare come quella con lo Young Boys sembrava impossibile. Invece l'Udinese si è superata. Contro la Lazio tutti i fattori negativi di questo inizio di stagione risplendevano sul prato dell'Olimpico. La squadra è lenta, abulica, macchinosa, prevedibile e francamente brutta da vedere. Il centrocampo rimane spesso ingolfato per tutti e 90 minuti, mentre la difesa continua a mostrare preoccupanti lacune.

E' vero che mancavano Pinzi, Benatia, Domizzi, Lazzari e Basta, ma al loro ritorno sarà così semplice trovare la quadratura del cerchio? Sarà così semplice creare una coesione di squadra? I dubbi sono tanti. Alcune scelte societarie non hanno convinto, e soprattutto non hanno convinto (lo faranno mai?) i vari Ranegie, Wllians, Maicosuel, Gabriel Silva, Heurtaux, Faraoni e lo stesso Badu. Tutti giocatori che avrebbero dovuto costituire la spina dorsale della nuova Udinese. Molte speranze sono concentrate su Muriel, ma molto dipenderà dalla gestione del ragazzo da parte di Guidolin. Intanto Cuadrado e Candreva...

TOP&FLOP - Brkic merita un plauso. Il portiere serbo ha fatto l'Handanovic  respingendo un rigore di Ledesma sullo 0-0, ma non è bastato ad evitare di subirne tre. Di Natale cerca sempre di tenere sù la baracca, ma da solo (l'abbiamo detto più volte) è praticamente impossibile. Male, malissimo Willians e Maicosuel. Arnero continua a correre a vuoto come un cavallo impazzito. La roccia Danilo...che fine ha fatto?

CONSIGLI PER IL MISTER - C'è fortemente bisogno di un Guidolin diverso. Di un Guidolin ottimista, di un Guidolin capace di rischiare, modificare, inventare. Quest'anno lavorare ad Udine sarà meno divertente e gratificante degli ultimi due anni, ma è proprio nei momenti di massima difficoltà che un pàpà come il 'Guido' deve prendere per mano i suoi ragazzi.

Meno carota, più bastone. Un pò come Malesani ai tempi dei 'mangiamerendine'. Un Armero titolare solo per non svalutarlo in ottica mercato è controproducente. Meglio il buon Pasquale. Poi il modulo: il 3-5-1-1 sta diventando quasi una condanna. La fotografia perfetta della solitudine di Totò Di Natale.

FUTURO - La chiamiamo sfida salvezza? Sì, perchè ad oggi Udinese-Cagliari significa questo. I ragazzi di Guidolin devono vincere. Un mese a bocca asciutta è troppo, occorre azzannare con voracia i tre punti. Pinzi, Benatia, Lazzari e Domizzi restano ancora in dubbio, ma potrebbero figurare nella lista dei convocati. Rientri importanti, fondamentali. L'obiettivo rimane sempre lo stesso: dimostrare che la vera Udinese non è quella che abbiamo visto nell'ultimo mese. Il 'Guido', però, dovrà essere il primo a volerlo.

Sullo stesso argomento