thumbnail Ciao,

Non è dato sapere se dietro le scelte di Allegri ci siano o meno lo zampino del presidente Berlusconi. Intanto a gennaio arriverà qualcuno, ma solo in difesa.

Il Milan ha riscattato il brutto inizio di stagione”. Parola di Berlusconi. La sorpresa è che il Presidente si era eccome accorto dell’avvio stagionale a dir poco disastroso, ma fino a poco tempo fa non ha avuto la minima intenzione di occuparsi della cosa. Ora, invece, la sua presenza torna a essere costante e importante. Ma il dubbio c’è: meglio i “consigli” sulla formazione o l’assenteismo più totale.

Forse una sana via di mezzo sarebbe la cosa migliore, ma in ogni caso nelle ultime tre partite Berlusconi ha guadagnato 7 punti, una matematica qualificazione agli ottavi di Champions League, un conseguente tesoretto per il mercato invernale e una rivincita sui bianconeri dopo i fatti dell’anno scorso. Mica male come risultati.

E’ inequivocabile che la scelta di alcuni interpreti sia stata in qualche modo indicata dal Presidente che in entrambe le visite a Milanello aveva espresso prima pareri positivi su Boateng e poi su Robinho. Il primo è stato utilizzato un po’ a rischio contro il Napoli, l’altro ha giocato e risolto la sfida contro la Juventus. Meglio così, ma chissà se Allegri avrebbe fatto le stesse scelte, se non fosse stato, diciamo così, “consigliato” dal Presidente.

DOPO I PRIMI DUE, ARRIVERANNO ALTRI CONSIGLI?
Boateng Robinho
..... ....
? ?


Probabilmente, però, è anche così che ci si guadagna la fiducia dei piani alti, una sorta di aziendalismo che in questo caso non può che portare i frutti migliori. Guardiola è un’ombra che si aggira nei corridoi di Milanello, ma è anche un sogno difficile da raggiungere. Il Chelsea del ricco Abramovic sembra decisamente in vantaggio, Galliani per ora può solo scherzarci su.

E Allegri, ben consapevole della situazione economica del Milan, non ha intenzione di farsi sfuggire l’occasione di rimanere nelle grazie di chi conta. Anche perché ora gli equilibri sono chiari ed espliciti: “Guardiola lo vorrebbero tutti, ma noi ci teniamo Max”. Una lettura tra le righe che lascia qualche perplessità sul progetto rossonero. Di investire, quindi, per ora e anche per il futuro non se ne parla.

Il Milan punta sui giovani cercando di educarli a quella che è la grande storia del club. “Racconto ai giocatori episodi del Milan del passato per fargli capire che cos'è il Milan. Credo che abbiano iniziato ad acquistare consapevolezza di cosa vuol dire giocare in questa squadra”.


Racconto episodi del Milan del passato, i giovani devono capire cosa significa giocare in questo club

Silvio Berlusconi



Forse proprio questo nuovo modo di comunicare ha aiutato la squadra di Allegri a trovare compattezza nella vittoria contro la Juventus. Resta il fatto che però a gennaio la squadra andrà aiutata con innesti mirati. Mexes e Bonera, i due centrali titolari, sono troppo fragili e già contro il Catania venerdì sera saranno dolori visto che Yepes è squalificato. Ci vorrebbe un giocatore di peso ed esperienza da inserire in rosa per il reparto arretrato.

In estate si era parlato parecchio di Carvalho che resta uno dei papabili per gennaio. E poi c’è da sciogliere il nodo in attacco. Robinho è stato blindato dopo la gara di quantità e qualità giocata contro la Juventus: non andrà al Santos perché qui a Milano il clima è migliore, così ha detto Galliani. Nella speranza che il numero 7 rossonero oggi non decida di uscire di casa…

Guardiola è un allenatore che vorrebbero tutti, ma noi ci teniamo il nostro Max

Silvio Berlusconi
E poi c’è Pato. Un “problema” secondo Berlusconi, ma solo perché non riesce a esprimere al meglio il suo potenziale. Non è mai riuscito a esplodere del tutto da quando arrivò al Milan nel 2007 per 22 milioni di euro a causa dei molteplici infortuni.

Una decisione importante su di lui era già stata presa nel gennaio scorso. Ora è tempo di una nuova riflessione, anche perché il giocatore chiede spazio. Per saperne di più, non resta che attendere il nuovo arrivo di Silvio Berlusconi a Milanello. Adriano Galliani, per non sbagliare, lo ha già invitato per giovedì alla vigilia di Catania-Milan, anticipo della 15esima giornata di serie A, in programma venerdì sera.

Sullo stesso argomento