thumbnail Ciao,

Il danese arriva a Torino praticamente da scelta obbligata, dopo che tutti gli obiettivi principali erano sfumati. Una scommessa con tante incognite.

E alla fine fu Nicklas Bendtner. L'ormai ex attaccante dell'Arsenal nella giornata di oggi diventerà ufficialmente un nuovo giocatore della Juventus e, secondo le ultime notizie raccolte, lo farà con la formula del prestito con diritto di riscatto (sulla base di 5 milioni di euro)

La Juventus, senza giri di parole, s'è trovata praticamente costretta a definire questa operazione. Dal momento che Marotta e soci hanno visto - praticamente - sfumare tutti gli obiettivi primari, il ragazzone di Copenaghen, classe 1988, è diventato a tutti gli effetti una scelta obbligata.

In verità bisogna anche raccontare un altro retroscena: la Vecchia Signora aveva impostato questo affare già nella giornata di mercoledì, ovvero prima del pasticcio targato Berbatov e, dopo il rifiuto del bulgaro, in Corso Galileo Ferraris hanno deciso di chiudere perentoriamente il discorso, aggiungendo un tassello nel mosaico offensivo juventino.

NICKLAS BENDTNER | SCHEDA
Nome Nicklas
Cognome Bendtner
Squadra Arsenal (Juventus)
Nazione Danimarca
Ruolo Attaccante
Età 25
Altezza 195 cm
Peso 84 kg
Pres EPL 169
Goal EPL 41
Pres Naz 52
Goal Naz 20
Clinica Fornaca di Sessant e Istituto di Medicina dello Sport: inizierà così la prima giornata juventina per l'ex Sunderland e, se i tempi dell'iter si dovessero rivelare piuttosto rapidi, per lui si spalancherebbero anche le porte del centro di Vinovo, suo prossimo habitat naturale.

I supporter della Juventus, dal canto loro, non sono così soddisfatti di questo ingaggio e, lo stesso ad zebrato, Beppe Marotta, ha ammesso come Bendtner sia stata un'occasione di mercato e, quindi, non un vero e proprio obiettivo estivo.

Ma chi sbarca nel capoluogo piemontese? Un attaccante non estremamente prolifico, basti pensare alle 22 marcature realizzate in 103 presenze complessive con i Gunners, abile nel gioco aereo e con tanta voglia di dimostrare il proprio potenziale.

Un'altra incognita legata a quest'ultimo arrivo bianconero, inoltre, è senza dubbio il carattere. Il danese, nei suoi vari trascorsi, ha mostrato una certa sensibilità ai guai.

Basti pensare a quando venne arrestato dalla polizia inglese, reo di aver danneggiato, insieme al suo ex compagno di squadra, Lee Cattermole, alcune auto nei pressi di Stowell Street a Newcastle.

La sensazione è che questa volta la scommessa juventina sia ad altissimo rischio. Antonio Conte, oltre a dover disciplinare tatticamente la sua nuova punta, dovrà anche essere bravo a gestirlo fuori dal campo.

Con tanto di interrogativo automatico: c'era proprio bisogno di questo acquisto?

Sullo stesso argomento