thumbnail Ciao,

Alle 18 il calcio d'inizio di Fiorentina-Udinese sancirà l'inizio della nuova stagione. L'entusiasmo non manca: il 'pallone' è mancato a tutti, come ogni anno...

I campioni vanno via, di nuovi Top Player neanche l'ombra, gli scandali sono all'ordine del giorno, le penalizzazioni e le squalifiche ne sono la più classica conseguenza. Eppure, siamo emozionati! Se è vero che il campionato italiano non è più il migliore al Mondo, è altrettanto vero che per noi, italiani 'malati di calcio', rimane sempre il nostro migliore amico.

Dopo un campionato europeo emozionante ma non troppo, abbiamo assistito ad un calciomercato ancor meno scoppiettante. Le partenze di Zlatan Ibrahimovic, Thiago Silva e Lavezzi hanno inevitabilmente impoverito il campionato, ma poco importa. Campioni o no, quando in campo scende la nostra squadra del cuore, l'entusiasmo e la voglia di prevalere sui rivali rimangono invariati.


Maxim, il nuovo pallone della Serie A è pronto a rotolare...
La Serie A, livellata come non mai - "verso il basso", dicono in molti - è pronta a regalarci nuovamente emozioni, gioie, delusioni, spettacolo e, inevitabilmente, polemiche. Ma, diciamocelo pure, anche queste ci sono mancate. Il ritorno in massima serie di Zdenek Zeman, dei 4 derby cittadini principali (Roma, Milano, Torino e Genova), del Torino e della Sampdoria sono ingredienti che non fanno altro che aumentare l'entuasiasmo in vista della ripresa dei giochi.

Questo 25 agosto gli appassionati di calcio lo aspettano da mesi. Perchè la Serie A è un appuntamento imperdibile. Qualunque sia il livello del campionato, chiunque siano i protagonisti. Forse è vero che si tratta di uno dei campionati meno 'ricchi' quanto a qualità, ma l'entusiasmo degli appassionati continua a rimanere invariato, se non addirittura a crescere.

Non ci saranno più i Batistuta e i Van Basten - è vero - e, proprio da quest'anno anche indiscussi campioni quali Nesta, Gattuso, Del Piero, Seedorf e Di Vaio non calcheranno più i campi della massima serie. Ma provando a vedere l'altro lato della medaglia, potremo gustarci la curiosità di scoprire i vari Pabon, Rolin, El Hamdaoui e Weiss, giusto per citarne alcuni. E come spesso richiesto a furor di popolo, vedremo inoltre cosa saranno in grado di fare i talenti più luminosi del nostro calcio: da Immobile a Destro, da Insigne ad El Shaarawy.

Ed anche la tristezza per l'estate che se ne va si affievolisce al pensiero che, tra poco, quel pallone ricomincerà a rotolare.

Segui Renato Maisani su

Sullo stesso argomento