thumbnail Ciao,

Marotta e Conte ragionano sul nome giusto per l'attacco bianconero. Cavani resta il sogno, Van Persie l'obiettivo più raggiungibile. Ma alla Juve servirebbe l'uruguaiano.

Ormai da mesi non si parla di altro. Nonostante il mercato abbia già regalato colpi a sensazione, in casa Juventus il sogno resta sempre e solo uno: il top player d'attacco, l'uomo che è maledettamente mancato la scorsa stagione. Il calciatore capace di dialogare palla a terra, anche fuori dall'area, con i compagni, ma che a pochi passi dalla porta possieda il killer instinct del vero bomber.

Il primo obiettivo della premiata coppia Marotta-Conte è lui, l'uruguaiano Edinson Cavani, uno dei tre tenori napoletani, rimasto orfano del gemello diverso Lavezzi sotto il Vesuvio. Il mister bianconero stravede per il Matador e farebbe qualsiasi cosa per averlo in rosa. Marotta ha anche provato ad abbozzare una trattativa e, seppure le risposte da Napoli siano state di totale chiusura, non ha ancora definitivamente rinunciato a portare sotto la Mole il giocatore.

Ovvio però che, stando così le cose, alla Juve ci si cominci seriamente a guardare intorno e si ripercorrano piste già esplorate qualche settimana fa. Una di queste porta dritto a Londra dove, proprio ieri, Robin van Persie ha fatto gentilmente sapere di non avere alcuna intenzione di tornare. L'olandese non intende infatti prolungare il contratto con l'Arsenal, in scadenza nel 2013, e ha voglia di cambiare aria.


Cavani si allontana, la Juve torna su RVP: ma sarebbe la scelta giusta?
Ecco che a Torino si sono subito drizzate le antenne, pronti a catapultarsi nuovamente su RVP, provando il rilancio con i Gunners, consci della nuova situazione di forza derivante dalle ultime dichiarazioni dell'attaccante. Van Persie d'altronde sarebbe senza dubbio un'opzione più economica per quanto riguarda il cartellino, data la prossima scadenza del suo contratto. Non è però da tralasciare la folle richiesta di ingaggio, pare assai vicina agli otto milioni netti a stagione, inavvicinabile per la società bianconera.

Cavani, dal canto suo, oltre ad essere più giovane di ben quattro anni rispetto all'olandese, si accontenterebbe facilmente di poco più della metà. Cinque infatti sono i milioni netti richiesti dagli agenti del giocatore ad Aurelio De Laurentiis per prolungare il contratto in essere con il Napoli. Non è neppure da dimenticare la grande dimestichezza del Matador con la serie A, campionato in cui Van Persie, pur rappresentando una certezza in termini di goal, dovrebbe comunque adattarsi, con un periodo di ambientamento non quantificabile.

Insomma, nonostante il patron azzurro spari ogni giorno di più cifre folli per lasciar partire Cavani, è chiaro come resti lui l'uomo su cui la Juventus vorrebbe e farebbe bene a puntare in vista della prossima stagione. 25 anni, 66 goal nelle ultime due stagioni a Napoli, perfetto anche in fase di ripiegamento, ingaggio contenuto. Ecco le motivazioni che potrebbero spingere Marotta ad allargare un altro pò i cordoni della borsa e sferrare l'attacco decisivo. Chissà che una trentina di milioni più una contropartita tecnica, magari rappresentata dal cartellino di Giovinco, non finiscano per convincere il Napoli a lasciar partire il Matador per Torino.

Sullo stesso argomento