thumbnail Ciao,

Il tecnico dell'Inter sembra aver deciso di puntare su Milito, mettendo da parte il 'Pazzo'. Ma il 'Principe' non è certo giovanissimo, perché privarsi di un buon attaccante?

"L'Inter non crede più in Pazzini", "Inter-Pazzini: sarà divorzio", "Stramaccioni riparte da Milito, Pazzini verso la cessione", "Pazzini, segnali di addio". Sono questi alcuni dei titoli che, tra web e giornali, è stato possibile leggere negli ultimi giorni relativamente al futuro del 'Pazzo'.

Acquistato dall'Inter un anno e mezzo fa, il suo impatto con l'ambiente nerazzurro era stato devastante: doppietta nel match d'esordio contro il Palermo e un totale di 11 reti in appena 17 partite. Numeri da urlo! Adesso, un anno dopo la conclusione di quel brillante campionato, Pazzini sta attraversando uno dei momenti più difficili della sua carriera.


La stagione negativa in maglia nerazzurra è costata a Pazzini Euro 2012
Nel corso del campionato appena concluso, il 27enne toscano ha messo a segno soltanto 5 reti, perso la possibilità di partecipare ad Euro 2012, e adesso in casa Inter sembra essere più un peso che un punto di forza. Da quando Andrea Stramaccioni siede sulla panchina nerazzurra, Diego Milito è l'elemento cardine del 4-3-2-1 ed anche quando l'ex tecnico della Primavera dell'Inter ha optato per il 4-3-1-2 come partner d'attacco del 'Principe' sono stati preferiti altri giocatori rispetto a Pazzini.

Ripartendo dallo stesso tecnico le cose difficilmente cambieranno e Giampaolo Pazzini è destinato a lasciare l'Inter, a meno che non decida di provare a ritagliarsi uno spazio importante accettando però di partire con il ruolo di comprimario. Compito non facile per chi, fino allo scorso anno, era l'attaccante titolare della Nazionale italiana.

Puntare su Milito, reduce da una seconda parte di stagione da incorniciare, è una decisione parecchio condivisibile. Tuttavia, il Principe compirà 33 anni a giorni e Branca e soci non possono certo sperare che l'attaccante argentino porti avanti la carretta da solo ancora a lungo. E allora perché privarsi di un attaccante che, seppur non giovanissimo, di anni ne ha 27? Perchè vendere Pazzini - ad un prezzo probabilmente inferiore al reale valore del giocatore - per poi, tra un anno, correre alla ricerca di un sostituto di Milito e magari strapagarlo?

LE DUE STAGIONI DI PAZZINI IN NERAZZURRO
2010-2011 (da gennaio)
2011-2012
17 Partite 33 Partite
11 Goal 5 Goal
Media-Goal 0.65 Media-Goal 0.15

E poi ancora: Milito potrà garantire un'altra stagione su questi ritmi e soprattutto tale continuità di rendimento per 9 mesi? Ed in ogni caso, se l'Inter venderà Pazzini non dovrebbe comunque sostituirlo per garantire a Stramaccioni un'alternativa all'altezza? Tutte domande retoriche che portano ad una sola risposta: Giampaolo Pazzini merita un'altra chance e tanta fiducia per dimostrare di essere in grado di raccogliere l'eredità e la corona da Diego Milito.

Attaccanti del calibro di Giampaolo Pazzini non se ne trovano tantissimi in giro: privarsene sarebbe un imperdonabile autogoal. Sarebbe da 'Pazzi', appunto...

Segui Renato Maisani su

Sullo stesso argomento