thumbnail Ciao,

I bianconeri torneranno a giocare ogni tre giorni fino al penultimo turno, come già accaduto a cavallo tra febbraio e marzo, nella fase più difficile di questa stagione.

Mancano sei partite al triplice fischio che sancirà la fine della Serie A 2011/2012. Dopo la tragica scomparsa di Piermario Morosini, la Juventus, assieme alle altre 19 squadre del massimo campionato, si troverà ad affrontare le stesse sei partite ad una distanza ben più ravvicinata del previsto.

FLESSIONE BIANCONERA
5/2 - Juventus-Siena 0-0
8/2 - Milan-Juventus 1-2
15/2 - Parma-Juventus 0-0
18/2 - Juventus-Catania 3-1
25/2 - Milan-Juventus 1-1
3/3 - Juventus-Chievo 1-1
7/3 - Bologna-Juventus 1-1
11/3 - Genoa-Juventus 0-0
Un po' come accaduto verso la fine dell'inverno, quando oltre agli impegni di Coppa Italia la Juve ha dovuto recuperare alcune partite rinviate per neve, giocando spesso ogni tre giorni. La concomitanza di tante partite è coincisa con l'unico - finora - momento non brillantissimo degli uomini di Conte, che si sono visti sfuggire il primo posto in classifica proprio in quella fase.

La mancata partecipazione alle coppe ha rappresentato un notevole vantaggio per i bianconeri. Quando questo è venuto a mancare la Signora è apparsa poco lucida e incapace di sostenere i ritmi infernali in tutte le partite.

Dei prossimi 540 minuti, la Serie A ne giocherà 450 in due settimanei. Cinque partite e due giorni fra un match e l'altro per recuperare le energie fisiche e nervose, energie che alla Juve serviranno per il colpo di reni verso un sogno che ad inizio campionato somigliava ad una chimera a cui nessuno pensava o voleva sperare.

Le avversarie che scenderanno in campo contro la Juventus nel tour de force sono - in ordine cronologico - la Roma, il Cesena, il Novara, il Lecce e il Cagliari. Le due giallorosse saranno ospiti allo Juventus Stadium, mentre la Signora andrà a far visita alle altre.

Le due trasferte dovrebbero arrivare verosimilmente con le avversarie già matematicamente retrocesse in serie cadetta o comunque tranquille, come nel caso del Cagliari. Sono i due impegni casalinghi a racchiudere le maggiori inside.

IL CAMMINO DELLA JUVENTUS NELLA VOLATA SCUDETTO
# SQD PT   34ª 33ª 35ª 36ª 37ª 38ª
1
68  
* In bordato le partite in trasferta

La Roma di Luis Enrique arriverà a Torino per giocarsi le chance di un posto in Champions League e con l'invitante prospettiva di far cadere l'imbattibilità della Signora; la squadra di Cosmi è agguerritissima e in grande forma, quindi pronta a tutto pur di giocarsi la permanenza in serie A.

La sensazione è che tutto sia veramente nelle mani degli uomini di Conte e di come risponderanno a questa serie di impegni ravvicinati. Per questa ragione, l'uomo in più del finale dell'annata bianconera, potrà essere l'intero staff tecnico.

Finora ha svolto un lavoro pregevole: Buffon grazie alla mano di Claudio Filippi (preparatore dei portieri) sembra aver trovato una seconda giovinezza, per non parlare dei risultati ottenuti da Paolo Bertelli (preparatore atletico) con il resto della squadra, in grado di tenere ritmi impressionanti, con conseguenti benefici per l'infermieria, passata dallo straffollamento delle scorse stagioni alla desolazione di quest'anno.

La loro mano fatata, nelle prossime settimane, servirà quanto il piede magico di Andrea Pirlo.

Sullo stesso argomento