thumbnail Ciao,

Le sfide in campionato contro Roma e Catania e il doppio confronto con il Barcellona in Champions: la stagione dei rossoneri può cambiare in meno di due settimane...

Accantonata la Coppa Italia, salutata a testa alta mettendo alle corde la Juventus nonostante i tanti assenti, il Milan si prepara al tour de force che vedrà i rossoneri sedersi su due tavoli, con tante fiches tra le mani. In dieci giorni il Diavolo andrà ‘all in’ in Champions League e giocherà due ‘heads-up’ cruciali in campionato. Roma, Barcellona, Catania, Barcellona: quattro sfide decisive per la stagione della squadra di Allegri.

L’obiettivo primario, viste le maggiori chance di successo, resta lo scudetto, ma inevitabilmente la finale anticipata contro Messi e soci rappresenta in questo momento la priorità per un club che non ha mai nascosto di considerare il palcoscenico europeo più importate di quello nazionale. Superare il turno contro i blaugrana vorrebbe dire stravolgere l’ordine ‘razionale’, tornare a pieno regime una delle favorite anche per la Champions: l’occasione è troppo ghiotta, ma c’è il rischio di trovarsi con una coperta corta…

SCUDETTO-CHAMPIONS, TUTTO IN 10 GIORNI

FC Barcelona

Catania

FC Barcelona

25 Marzo
28 Marzo
31 Marzo
3 Aprile

Una prima risposta arriverà dallo scontro di sabato pomeriggio con la Roma, ringalluzzita dal successo interno contro il Genoa che ha riproiettato i giallorossi in piena corsa per il terzo posto. A San Siro sarà match vero, contro una squadra agguerrita che presumibilmente non permetterà ad Allegri di poter dosare le forze di Ibra e compagni. Come reagiranno i rossoneri, considerando che quattro giorni dopo è in programma l’andata contro il Barça? Il Milan ha bisogno di una vittoria convincente per presentarsi alla supersfida di Champions nel migliore dei modi.
 
Il primo round con i blaugrana sarà probabilmente decisivo: il Diavolo deve riuscire a restare imbattuto e presentarsi al return match con un vantaggio o anche alla pari con l’undici di Guardiola, per potersi giocare tutto nei novanta minuti del Camp Nou. Una sconfitta casalinga rischierebbe di trasformare il ritorno in una formalità per i blaugrana, visto il possibile contraccolpo psicologico su un Milan sicuro di sé sul suolo italico ma con un’autostima ancora fragile in Europa.

Tra le due sfide con i Campioni del Mondo in carica, ci sarà la delicatissima trasferta di Catania, gara che, calendario alla mano, rischia di essere il maggior ostacolo per i rossoneri nella volata-scudetto. La squadra di Montella è in grande forma, sa far male in contropiede e il Massimino è un campo sempre difficile da espugnare. Il pericolo-distrazione, vista la morsa delle due gare europee a distanza di sei giorni, è l’incubo maggiore di Allegri.

TRE ASSI NELLA MANICA DI MAX
L'esperienza: Seedorf
L'imprevedibilità: Boateng
La carta a sorpresa: Pato


Il tecnico conta però di recuperare a pieno regime tre pedine fondamentali per questo terribile mini-ciclo che attende i rossoneri. Con la Juventus si è rivisto in campo Clarence Seedorf, al quale il tecnico toscano potrebbe affidarsi nella doppia sfida contro i blaugrana in virtù della sua esperienza a livello internazionale, fattore che come visto nel ritorno contro l’Arsenal ha un valore specifico da non sottovalutare. L’olandese non ha il dinamismo per poter fronteggiare i centrocampisti catalani, ma sembra difficile pensare che Allegri possa rinunciare a lui per un simile appuntamento.

Anche il recupero di Kevin Prince Boateng è stato programmato in funzione del quarto di finale contro il Barcellona: il ghanese, uomo-chiave nella vittoria contro l’Arsenal a Milano, è fermo proprio dalla gara contro i Gunners, ma dovrebbe tornare tra i convocati per il match di sabato contro la Roma. A lui Allegri chiederà intensità, sacrificio e colpi di genio: è vivo il ricordo di quel goal da cineteca realizzato nell’ultimo precedente contro i blaugrana…

Tutti si augurano che il vero asso nella manica di Allegri possa essere Alexandre Pato, le cui condizioni fisiche continuano ad essere un mistero assoluto. Il tecnico è stato vago sul rientro del brasiliano ma non è da escludere che il ‘Papero’ possa essere la grande sorpresa per il ritorno contro il Barça. A settembre bruciò l’erba del Camp Nou, regalando l’unica vera fiammata della sua stagione da incubo. Chissà che il cerchio non possa chiudersi proprio in terra catalana…

Segui Simone Gambino su

Sullo stesso argomento