thumbnail Ciao,

ANALISI - Da quando la società giallorossa ha cambiato proprietà sono stati spesi più di 115 milioni. Lotito ha ottenuto risultati migliori spendendo quasi cinque volte in meno.

GLI ULTIMI 3 DERBY CAPITOLINI
16 ottobre 2011
LAZIO-ROMA 2-1
6' Osvaldo (R), 51' rig. Hernanes (L), 93' Klose (L)

TIRI
IN PORTA
POSSESSO
ANGOLI

FALLI FATTI
CARTEL. GIALLI
CARTEL. ROSSI
FUORIGIOCO

LAZIO
20
4
52%
8
14
2
0
5

ROMA
6
2
48%
2
11
4
1
2

4 marzo 2012
ROMA-LAZIO 1-2
10' rig. Hernanes (L), 16' Borini (R), 62' Mauri (L)

TIRI
IN PORTA
POSSESSO
ANGOLI

FALLI FATTI
CARTEL. GIALLI
CARTEL. ROSSI
FUORIGIOCO

ROMA
11
1
55%
2
12
4
1
3

LAZIO
11
6
45%
3
27
6
1
0

11 novembre 2012
LAZIO-ROMA 3-2
9' Lamela (R), 35' Candreva (L), 43' Klose (L),
47' Mauri (L), 86' Pjanic (R)

TIRI
IN PORTA
POSSESSO
ANGOLI

FALLI FATTI
CARTEL. GIALLI
CARTEL. ROSSI
FUORIGIOCO

LAZIO
16
7
49%
7
15
5
1
6

ROMA
9
4
51%
7
23
4
1
0

Nel calcio, si sa, spesso vince il più forte. E normalmente il più forte corrisponde a quello che ha maggiori risorse economiche da investire.

Ne sanno qualcosa in Spagna dove il Barcellona ed il Real Madrid si contendono la Liga a suon di milioni. Lo sanno anche in Inghilterra con le due squadre di Manchester, United e City, pronte a dichiararsi guerra sul pezzo pregiato del mercato.

Ma come in tutte le cose c'è sempre un'eccezione. Negli ultimi due anni a Roma l'andamento delle squadre non ha rispettato fedelmente quanto le rispettive dirigenze hanno speso sul mercato. Ed in particolare da quando nella capitale di sponda giallorossa sono arrivati gli americani che, con i loro dollari, avrebbero dovuto rilanciare Totti e compagni nel calcio che conta.

La Roma ha speso, tra acquisti a titolo definitivo, prestiti e riscatti qualcosa come 84,74 milioni. Cifra che è stata ulteriormente incrementata la scorsa estate con altri 32,1 milioni messi sul piatto per rendere la squadra ancora più competitiva.

Tutt'altra è stata la politica adottata da Claudio Lotito. Il vulcanico presidente della Lazio ha scelto un profilo meno dispendioso ma, a giochi fatti, più prolifico. Nelle ultime due stagioni la società biancoceleste ha puntato, soprattutto, sulla voglia di rivalsa di quei giocatori che, o per iniziali precarie condizioni fisiche o per età anagrafica avanzata, si sono accasati a Formello senza essere stati oggetto di particolari corteggiamenti.

E, ad oggi, i risultati stanno premiando maggiormente la scelta degli 'Aquilotti' che quella effettuata dalla 'Lupa'. Non solo dal punto di vista della classifica che, al momento, vede per il terzo anno consecutivo la squadra di Petkovic superiore ai cugini giallorossi. Infatti dopo i tre punti di vantaggio nella stagione 2010-2011 e il +6 del campionato scorso, anche in questa stagione la Lazio sta davanti, di tre lunghezze, alla compagine romanista.

Supremazia che è ancora più nitida se vengono presi ad esame i tre confronti diretti disputati finora con altrettante vittorie dei biancocelesti. E dire che il goal siglato da Osvaldo (quello della maglia 'Vi ho purgato anche io' tanto per intenderci) in quella notte di metà ottobre aveva dato adito a presagi totalmente diversi.

Ed invero la banda capitana da Hernanes e Klose non solo quella sera riuscì a ribaltare lo svantaggio all'ultimo secondo ma fu capace di ripetersi anche nella gara di ritorno con il medesimo risultato. E per la regola del 'non c'è due senza tre', il quadro è stato completato sotto il diluvio di novembre. Perchè il derby si sa è una sfida che prescinde da tutto. Anche dai soldi.

Sullo stesso argomento