thumbnail Ciao,

ANALISI - Conte studia la possibilità di variare modulo in vista della sfida in terra bavarese. Con un centrocampista in più spazi chiusi e ripartenze letali?

In fase di presentazione ci eravamo divertiti a simulare il sorteggio di questi ottavi di Champions. Prima, ci eravamo anche dilettati a ipotizzare lo scontro della Juventus con ciascuna delle possibili avversarie. Il Bayern, ovviamente, l'avevamo messa tra quelle che era meglio evitare, ma...

Ma, forse, il meglio la squadra di Conte lo può dare proprio in una sfida come questa. Meglio il Bayern che il Malaga, perchè non hai nulla da perdere e non corri certamente il rischio di sottovalutare l'impegno. In ogni caso, il prologo di ogni discussione era che questa Juve se la poteva giocare con tutte, perchè per personalità, organizzazione e consapevolezza, non ha nulla da invidiare a compagini - teoricamente - più quotate.

Un centrocampo composto da Vidal, Pirlo e Marchisio, se non è il migliore nel panorama della magiche 16, difficile sostenere che sia inferiore a uno qualsiasi delle altre. Vale Xavi-Busquets-Iniesta. E nessuno può permettersi uno come Pogba in panchina. La difesa meno battuta del torneo finora, parla coi numeri. Vucinic (peraltro reduce da una fastidiosa influenza) ha la classe per mettere in difficoltà una retroguardia del Bayern non sempre impeccabile. Per il montenegrino quello di Monaco può - e deve - rappresentare l'esame di maturità.

Ciò che resta da capire è l'uomo che affianchera Mirko davanti, perchè per 10/11 la squadra è (quasi) fatta: Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio, Asamoah (Peluso), Vucinic e... ? Tolto il 'dubbietto' a sinistra, i giochi si fanno davanti.

LA JUVE CHE STUZZICA CONTE
Buffon

Barzagli - Bonucci - Chiellini

Lichtsteiner - Vidal - Pirlo - Pogba - Asamoah

Marchisio

Vucinic
Se guardiamo alla storia, dobbiamo dire Giovinco. E, fondamentalmente, siamo convinti che, alla fine, questa sarà la scelta di Conte (a patto che l'ex Parma, che ieri non si è allenato, recuperi al 100%). Ultimamente, comunque, si sta facendo strada l'ipotesi di un 3-5-1-1. Scelta che, tatticamente, ha una sua logica. Anzi, 'più d'una'.

La prima è che rinunciare a questo Pogba sta diventando tremendamente difficile: nonostante l'espulsione, nella gara contro la Spagna (non certo la 'Longobarda') il francesino è stato uno dei migliori in campo. Al cospetto di mostri sacri, un tremolio di gambe sarebbe stato anche comprensibile per un giovane praticamente all'esordio nella Nazionale dei Grandi, lui si è presentato con doppio dribbling appena battuto il calcio d'inizio sul pressing avversario.

Poi, blindando il centrocampo, chiudi tutti gli spazi, stringi le linee e armi le ripartenze. Lo sforzo lo fai fare all'avversario, lo fai sfiancare e ne approfitti quando, inevitabilmente, sarà costretto a rifiatare. I tedeschi ci soffrono in generale, in particolare quando sono chiamati a scardinare le nostre ermetiche difese, diventano impazienti e, prima o poi, qualcosa finiscono per concederci.

Dulcis in fundo, o sarebbe meglio dire amaro in coda, finora nessun partner di Vucinic ha convinto pienamente. Giovinco, il più gettonato, non ha mai dato la sensazione di essere sul punto di sprigionare il suo estro, soprattutto in coppa. Matri il suo primo timbro europeo lo ha messo a segno solo a Glasgow. Per questo, la scelta di Marchisio a fare da zanzara nella costruzione del gioco avversario, a non dare punti di riferimento alla difesa tedesca e pronto a buttarsi negli spazi, potrebbe avere un senso.

Pogba sulla mediana e l'azzurro dietro a un Vucinic chiamato al ruolo di boa, forse quello che più gli si addice, perchè può togliersi dalla marcatura, aprire per i compagni e deliziarli con i suoi assist alla Pirlo 'vecchia maniera', quando l'ex rossonero era ancora catalogabile tra i trequartisti. In tutto questo, vediamo un solo - grande - minus: togliere una punta per aggiungere un centrocampista, potrebbe sembrare un segnale di debolezza e dare un input sbagliato alla squadra.

E' a questo, probabilmente, che sta pensando Conte. A sensazione, crediamo ancora che, alla fine, dal tunnel uscirà la testa di Giovinco (problemi fisici permettendo), con l'opzione B Marchisio trequartista da giocarsi eventualmente a gara in corso E non solo se le cose dovessero mettersi bene e, dunque, con un risultato positivo da difendere...

Sullo stesso argomento