thumbnail Ciao,

L'attaccante del Chelsea, appena atterrato in Giappone per giocarsi il Mondiale per Club, ha confessato un'antica passione: "Mi sono innamorato del calcio grazie ai cartoni".

Fernando Torres, attualmente in Giappone per disputare il Mondiale per Club con il Chelsea, ha ricordato un simpatico retroscena che lo ha avvicinato al calcio proprio grazie al Paese nipponico.

"Ricordo ancora quand'era un bambino, in tv non si vedeva sempre bene, ma a scuola tutti parlavano di questo cartone animato giapponese. Era una serie chiamata in Spagna 'Oliver y Benji', in Giappone però si chiamava 'Capitan Tsubasa'"

Quindi Torres prosegue: "Il cartone parlava di questi due ragazzi che giocavano a calcio, iniziando prima dalle giovanili, per poi finire in nazionale, vincendo la Coppa del Mondo, per poi ancora trasferirsi in Europa, al Barcellona e al Bayern Monaco. Un sogno".

Infine l'attaccante spagnolo confessa: "Io ho iniziato a giocare a calcio grazie a loro, mio fratello mi costringeva a vedere questo cartone e mi è piaciuto. Io volevo essere Holly, perchè era un giocatore di movimento, mentre Benji era un portiere. Questo è stato il mio primo contatto con il Giappone della mia vita".

Sullo stesso argomento