thumbnail Ciao,

Il tecnico della Juventus, Allegri, ha fatto il punto della situazione in casa bianconera, anche riguardo il calciomercato, da cui si aspetta altri due importanti arrivi...

La Juventus ha terminato la sua tournée asiatica ed è chiamata ora alle due settimane di preparazione finale prima dell'inizio del campionato. Ma ciò che tiene banco in casa bianconera è soprattutto il calciomercato. La definizione della rosa per questa stagione non è ancora completa, c'è ancora la situazione di Arturo Vidal da chiarire definitivamente e, soprattutto, ci sono ancora almeno due acquisti importanti da fare a sentire il mister bianconero Massimiliano Allegri.

In particolare il tecnico della Juventus si aspetta l'arrivo di un difensore e di un attaccante... "Farò le mie valutazioni con la società - ha detto Allegri intervistato da 'TuttoSport' - Abbiamo poco tempo e il margine di errore si assottiglia. Se dobbiamo prenderne due, non possiamo sbagliare di una virgola. Intanto in difesa Barzagli pian piano sta recuperando. E Ogbonna è normale che abbia bisogno di tempo, anche se dovrà fare di più, è chiaro. Ma le doti le ha. A inizio stagione saremo un po' in emergenza. Barzagli non sarà ancora pronto e Chiellini sarà squalificato per 2 giornate".

E l'attaccante ? "Valuteremo il da farsi sul mercato anche in questo reparto - ha proseguito Allegri - Ma per prenderne uno che non serve, è meglio non prendere nessuno. E' inutile prendere una punta di basso livello, se ne prendiamo una, ci serve un giocatore importante. Che possa essere davvero utile. Ci serve un giocatore che possa giocare in entrambi i moduli che utilizzeremo, dal 3-5-2 al tridente. Che sia eclettico, insomma. E' difficile dire tipo chi. Dipende anche da chi puoi prendere, da chi c'è sul mercato".

La Juventus sta seguendo con vivo interesse soprattutto Pastore e Lavezzi in casa Paris Saint-Germain e Jovetic in casa Manchester City. Giocatori di grande qualità che possono giocare in più ruoli del reparto offensivo. Anche perchè Allegri ha necessità di giocatori 'eccletici', come ha detto, che possano adattarsi ai diversi moduli che la Juventus ha provato anche nella tournée asiatica... "Siamo andati avanti con il 3-5-2, ma non solo - ha spiegato Allegri - E' stato un vantaggio aver potuto contare su un assetto granitico, che i giocatori conoscono a memoria, collaudato e vincente in Italia per 3 anni. Però credo che una squadra debba lavorare anche su altri sistemi di gioco. In modo da averne sulle dita almeno un paio, per poter avere maggiore imprevedibilità".

"4-3-1-2 o 4-3-2-1? Una volta ero abituato a dire: 4 difensori, 3 centrocampisti, e poi si vedrà la disposizione dei 3 là davanti, a seconda delle gare - ha proseguito Allegri - In linea di massima penso al modulo col tridente, certo. Che garantisce dei vantaggi. I moduli devono poter interscambiarsi anche durante la stessa partita, a seconda dei giocatori che metterò dentro. Poter contare su almeno 2 moduli, dal 3-5-2 a tutte le variazioni del tridente offensivo con una difesa a 4, è importante per sorprendere l'avversario. Per passare in vantaggio, o per recuperare un risultato, o per difenderti. Il 3-4-3, poi, è uno sviluppo del 4-3-3. In certi frangenti può essere utile".

Allegri ha poi parlato anche del suo rapporto con Andrea Pirlo, giocatore che aveva lasciato partire ai tempi in cui allenava il Milan. E si diceva non corresse buon sangue fra i due... "Ma anche nel Milan non c'erano problemi - ha spiegato Allegri - Il calcio non è una scienza esatta. Ci sono annate che parti in un modo e finisci in un altro. Come l'ultima di Andrea a Milano. Fu sfortunata per lui, ebbe diversi problemi fisici. Fino a quel momento aveva giocato sempre. Poi a fine anno furono fatte valutazioni completamente diverse, perché di mezzo ci entrò anche l'aspetto economico".

E Vidal? Il centrocampista cileno è quasi a posto dal punto di vista fisico, ma è soprattutto la sua situazione di mercato che interessa i tifosi juventini... "Ha ripreso a lavorare col pallone - ha detto Allegri - Nei prossimi giorni si unirà in tutto e per tutto ai compagni. Lo vedo voglioso, sereno. Non sembrava neanche fermo da tanto. Non pare un giocatore chiacchierato sul mercato, se è questo che volete sapere. I grandi giocatori sono sempre chiacchierati. I grandi club cercano solo grandi giocatori, è ovvio. Ma anche la Juve è un grande club. Poi è chiaro che lo United o il Real o il Bayern o chi volete voi possano pensare a campioni come lui".

Ultime parole, poi su quale sia l'obiettivo principale della Juventus in questa stagione: puntare soprattutto al quarto Scudetto consecutivo o al ritorno in vetta alla Champions League? Allegri non ha dubbi: "Io preferisco tutte e due le cose".

Get Adobe Flash player

Sullo stesso argomento