thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - Il ds della Juventus Paratici ha avuto nuovi contatti con l'entourage di Shaqiri: l'idea dei bianconeri è lavorare sul prestito con diritto di riscatto.

  Romeo Agresti
Corrispondente Juventus per Goal Italia

Incontri con intermediari, possibilità di acquistare un elemento giovane e duttile, interessanti nuove prospettive tecnico-tattiche. Per tutti questi motivi, ma bisognerebbe sicuramente allungare la lista, la Juventus ha sondato nuovamente la pista che porta a Xherdan Shaqiri, 22enne elemento offensivo di proprietà del Bayern Monaco, il quale ha disputato recentemente un ottimo mondiale con la Svizzera.

La Vecchia Signora, dopo aver accarezzato in piena era Conte l’idea di mettere le mani su Juan Iturbe, successivamente finito alla Roma, ha deciso di reimpostare le proprie operazioni in entrata, mossa necessaria post sbarco nel torinese di Massimiliano Allegri, con conseguente nuovo ciclo da aprire. Shaqiri, giustappunto, è un profilo che piace molto al tecnico toscano, giocatore munito di ottime doti tecniche, qualità e talento allo stato puro, superfluo aggiungere altro.

Madama ci pensa, la concorrenza non manca sia in Italia sia fuori dai confini nostrani, l’occasione è nitida e farsela scappare, in piena crisi economica, per il calcio del Belpaese potrebbe rivelarsi una mossa poco lungimirante. Certo, bisogna fare i conti con il Bayern Monaco e soddisfare le esigenze del diretto interessato, ma in entrambi i casi la missione non sembrerebbe essere così proibitiva.

Il diesse bianconero, Fabio Paratici, ha già avuto modo di confrontarsi con persone che aleggiano attorno all’elvetico, colloqui embrionali per comprendere se l’operazione sia fattibile o meno, per il momento nessuna offensiva decisa. Shaqiri, chiuso in Germania da una concorrenza a dir poco spaventosa, è intrigato dalla prospettiva di intraprendere una nuova avventura professionale, Premier League e Serie A per lui sono piazze gradite, a patto però che il tutto si sviluppi in tempi rapidi. I bianconeri aspettano, attendono di fare definitivamente chiarezza sulla prossima impostazione tattica e monitorano le mosse dei club competitor.

In corso Galileo Ferraris, dopo aver chiuso una serie di operazioni prioritarie in entrata, in questo momento hanno necessità di sfoltire l’organico, cedere calciatori fuori progetto è una missione da centrare a pieni voti, denaro fresco da reinvestire prontamente.

La Juventus su Shaqiri c’è, Marotta e soci in questi giorni valuteranno se intensificare o meno i contatti con il Bayern Monaco, magari mettendo sul piatto inizialmente una richiesta basata sul prestito con diritto di riscatto, formula ormai divenuta una costante per le società italiane, modus operandi che fornisce l’opportunità di investire oculatamente le risorse. Insomma, fronte caldo.

Get Adobe Flash player

Sullo stesso argomento