thumbnail Ciao,

ESCLUSIVA - La Lazio, dopo aver perso Astori, pensa ad Ogbonna: il centrale della Juventus può essere la chiave per il ritorno di Candreva a Torino.

  Manuele Baiocchini
Giornalista Sky, corrispondente Goal Italia

Dopo la cocente delusione per aver fallito l'obiettivo Astori, che la Lazio si era prefissata da tempo, adesso il direttore sportivo Igli Tare non può far altro che rimboccarsi le maniche e provare a piazzare un colpo ancor più importante o che comunque non farebbe rimpiangere il mancato arrivo dell'ex difensore del Cagliari. Un nome che piace tanto e da tempo alla dirigenza biancoceleste è quello di Angelo Ogbonna.

Sarebbe il profilo ideale, permetterebbe al club di spazzare via la delusione per il derby di mercato perso con la Roma e rilancerebbe le ambizioni della squadra di Pioli. Al momento solo un'idea e comunque un obiettivo realmente complicato da mettere a segno. Basti pensare che la Juventus lo scorso anno pagò al Torino 13 milioni più 2 di bonus per arrivare ad un'operazione complessiva da 15 milioni di euro. Costerebbe più o meno il doppio di Astori.

C'è un però. A Marotta e Paratici piace Antonio Candreva. È un corteggiamento che va avanti da mesi e che per ora non ha prodotto offerte ufficiali e convincenti per il presidente Lotito. Sembrava che i bianconeri fossero sul punto di proporre alla Lazio 23 milioni di euro, proposta che con i bonus sarebbe arrivata a toccare i 25. Poi però c'è stato il cambio di allenatore da Conte ad Allegri e la situazione è stata congelata. Non è escluso adesso che da Torino possano tornare all'assalto.

L'offerta in questo caso potrebbe comprendere proprio il cartellino di Angelo Ogbonna. La Juve sa che il difensore ex granata fa gola alla Lazio ed è consapevole che la squadra di Pioli ha un assoluto bisogno di rinforzare il reparto in tempi rapidi. Al momento è solo uno scenario di mercato certo, ma la possibilità che diventi realistico esiste eccome. Un'offerta tra i 13 e i 15 milioni più Ogbonna potrebbe stuzzicare la Lazio. Perchè comunque a Candreva andrebbe adeguato il contratto in maniera sensibile se dovesse rimanere a Roma. E poi perchè in quella posizione c'è l'idea da parte del club di concedere più spazio a Felipe Anderson per scoprire le potenzialità ancora inespresse del ragazzo brasiliano.

Ci si penserà nei prossimi giorni e soprattutto se si dovesse presentare l'occasione giusta. Per l'immediato però la Lazio non vuole farsi sfuggire anche De Vrij che sta trattando da 3 mesi. L'offerta resta di 7 milioni di euro, la richiesta è di 9. Il difensore olandese è ancora in vacanza ma la prossima settimana rientrerà a Rotterdam per iniziare la nuova stagione. Che lui immagina in Italia. Per questo proverà a spingere sulla dirigenza biancorossa per chiedere di lasciarlo andare. Serve però un ulteriore sforzo da parte di Lotito. La Lazio vuole e deve evitare di ripetere un altro caso Astori. Per questo potrebbe decidere di alzare ancora l'offerta avvicinandosi alla richiesta del Feyenoord.

Le alternative non mancano ma sarebbero comunque dei piani B che non convincono pienamente per ora: Lucas Mendes, brasiliano classe '90 dell'Olympique Marsiglia e Gaston Sauro, ventiquattrenne argentino del Basilea. Sono stati proposti e verrebbero valutati solo se la Lazio perdesse altri treni, dopo quello di Astori, solamente passato alla stazione di Formello, ma arrivato definitivamente al capolinea di Trigoria.

Sullo stesso argomento