thumbnail Ciao,

Calciomercato Barcellona, ufficiale il colpaccio: arriva Suarez

Suarez lascia il Liverpool e approda al Barcellona ufficialmente. 88 milioni ai Reds, contratto quinquennale per il giocatore di Salto, squalificato per quattro mesi. "Un sogno".

Neymar nel 2013, il Pistolero nel 2014. Più Leo Messi. Ora il tridente della meraviglie è completo, ufficiale. Pazzesco, milionaio. Il Barcellona ha concluso l'acquisto più costoso della propria storia, Luis Suarez si veste ufficialmente di blaugrana. Al Liverpool una vagonata di milioni, che fanno dell'uruguagio il terzo giocatore più pagato nella storia del calcio.

88 i milioni di euro pagati dal Barcellona di Bartomeu per portare Suarez in Catalogna. Solo i due madridisti Bale e Cristiano Ronaldo sono stati pagati di più. L'attaccante uruguagio supera anche Neymar, che dalle prossime settimane sarà suo compagno di squadra. Trio sudamericano stellare per Luis Enrique, chiamato a gestire cotanta forza.

Il Barcellona ha annunciato il giocatore di Salto attraverso i propri canali ufficiali l'acquisto dell'ex Ajax, che arriva a titolo definitivo dal Liverpool: "Raggiunto un accordo per il trasferimento di Luis Suarez. Il giocatore uruguayano si recherà a Barcellona la prossima settimana per le visite mediche, per firmare il contratto di cinque anni che lo legherà al club e per essere presentato ufficialmente a stampa e tifosi".

"Il Liverpool conferma che Luis Suarez lascerà il club in quanto è stato raggiunto un accordo con il Barcellona per il suo trasferimento"
il comunicato Reds. "Il giocatore può ora completare le formalità di rito che porteranno alla chiusura della trattativa. Ringraziamo Luis per il suo contributo ed il ruolo da lui svolto nel contribuire a riportare la Champions League ad Anfield. Il Liverpool Football Club augura a Luis e la sua famiglia tutto il meglio per il futuro".

Classe 1987, Suarez è da tre settimane al centro delle polemiche a causa dell'ennesimo morso della sua carriera: ai Mondiali 2014 ha infatti addentato Chiellini, dopo averlo fatto in passato con Bakkal, in Olanda, e Ivanovic, in Premier. Gli scommettitori pensano già scherzosamente alla prossima vittima nella Liga, l'ennesima vittima del morsicatore di Salto.
Il Barcellona, che dovrà fare a meno di Suarez per quattro mesi (tonerà a novembre), ha però la convinzione di vedere un uomo nuovo. Niente più polemiche (insulti ad Evra) o attacchi cannibali agli avversari. La spesa per il suo acquisto dimostra che si crede più alla classe che alla sregolatezza.

El Pistolero, ex Nacional, Groningen, Ajax ed ora Liverpool, si è aggiudicato la Scarpa d'oro 2014 alla pari con Cristiano Ronaldo: 31 le reti nella Premier League, secondo anno più prolifico della sua carriera dopo i 35 messi a segno in Olanda nel 2009/2010. Suarez saluta i Reds di Rodgers dopo quattro annate e 69 reti in Premier League, 82 nelle varie competizioni.

"Con grande tristezza lascio il Liverpool per cominciare una nuova vita in Spagna" scrive Suarez sul sito Reds. "Io e la mia famigli eravamo innamorati della città e della squadra, di tifosi incredibili. Non dimenticheremo mai l'appoggio che mi hanno dato. Spero possiate capire perchè vado via. Vivere in Spagna, dove vive la famiglia di mia moglie, è il sogno di tutta una vita, è il momento adeguato. Il Liverpool ha fatto di tutto per trattenermi".

"Desidero il meglio per Brendan Rodgers e la squadra in futuro. Il club è in ottime mani e sono sicuro che farà benissimo nella prossima annata. Sono orgoglioso di aver aiutato il Liverpool a tornare nell'elite della Premier League e in Champions League. Grazie ancora per i grandi momenti e i ricordi. You'll never work alone".

Suarez non potrà assistere alle gare ufficiali del Barcellona durante la sua squalifica. Il morso ai danni di Chiellini ha infatti mandato su tutte le furia il team disciplinare della FIFA, che ha deciso di negarli l'accesso ad ogni manifestazione sportiva per quattro mesi.

Tornerà direttamente in uno stadio per giocare con Neymar e Messi. Un attacco così sulla carta è letteralmente illegale. Starà a Luis Enrique tenere i tre sull'attenti senza pestate di piedi. E magari senza atti di cannibalismo e immediate squalifiche.

Sullo stesso argomento