thumbnail Ciao,

Inter, gli annunci di Thohir: "Zanetti dirigente, vedo un Milito alla Toni"

"Zanetti farà parte della dirigenza, Milito può restare 'alla Toni'", ha spiegato Thohir. Ma l'addio al calcio giocato del capitano interista avverrà con la Nord vuota.

Immaginarlo lontano dai campi ci sembra impossibile, ma ancor di più ci sarebbe sembrato impossibile vederlo lontano dall'Inter. Javier Zanetti, infatti, proseguirà la sua avventura in nerazzurro anche dopo aver appeso gli scarpini al chiodo. La conferma è arrivata dal presidentissimo Erick Thohir.

"Ho incontrato Zanetti alcuni mesi fa - ha dichiarato Thohir a margine dell'incontro per l'accordo commerciale con Infront - per capire quale fosse la sua visione. Sarà parte della dirigenza, ma siamo d'accordo sul fatto che adesso bisogna concentrarsi solo sulle ultime partite da giocare".

Thohir, ai microfoni di 'Rai Sport', ha parlato anche del futuro di Mazzarri e Milito. Sull'allenatore: "Lavoreremo con lui per costruire una grande squadra, la prossima sarà la prima annata in cui opereremo assieme io, Mazzarri e Moratti".

Parole molto chiare anche sul 'Principe' Milito: "Non è detto che parta, dobbiamo prima capire come sta fisicamente. Abbiamo ancora bisogno di lui, potrebbe essere il nostro terzo attaccante dietro Icardi e Palacio. Guardate cosa sta facendo Toni, Diego potrebbe essere come lui".

A proposito di Zanetti e del suo addio da calciatore, i tifosi dell'Inter avrebbero voluto tributare nel modo migliore l'ultima partita del capitano al Meazza, ma rischiano seriamente di dover annullare la festa d'addio. La Curva Nord nerazzurra è stata infatti squalificata dal giudice Tosel - a causa dei cori di discriminazione territoriale contro i tifosi del Napoli - per i prossimi due turni: l'ultimo casalingo di questa stagione, Inter-Lazio, e il primo del prossimo campionato. 

Difficilmente il giudice sportivo Tosel farà un passo indietro sulla questione, anche per la recidività dei cori di discriminazione contro i napoletani, ma è certo che un addio a Javier Zanetti, storico capitano dell'Inter, senza il cuore pulsante del tifo nerazzurro, è una cosa che fa male al calcio.

Get Adobe Flash player

 

 

Sullo stesso argomento