thumbnail Ciao,

In attesa di capire che ne sarà di Cerci e Immobile, il Torino si porta avanti lavorando a fari spenti su Paulinho del Livorno. E in dirigenza può tornare Antonelli.

Dopo annate negative, il Torino vive un momento magico caratterizzato da una splendida posizione di classifica nella massima serie e agevolato dalle prodezze dei propri gioielli, che intrigano più squadre importanti e pronti ad accendere il calciomercato estivo.

Alessio Cerci e Ciro Immobile, i nuovi gemelli del goal, esponenti illustri delle recenti fortune granata, calciatori seguiti con interesse dai club che vanno per la maggiore, sempre più probabili uomini mercato. E se sul primo vige il doppio interessamento concreto di Juventus e Atletico Madrid, per il secondo inizia a farsi minaccioso il Borussia Dortmund, grande estimatore del 24enne bomber campano, profilo ideale per sostituire in maniera adeguata Robert Lewandowski già del Bayern Monaco a titolo gratuito.

La Vecchia Signora, pronta ad incontrare Cairo e Petrachi per cercare di definire il quadro relativo al centravanti di Torre Annunziata, per il momento prende tempo e medita sulle mosse da attuare al termine della stagione. Le sirene tedesche sono forti, tanto da intrigare prepotentemente l’entourage del calciatore, sbarcato in terra teutonica nelle scorse settimane per fare il punto della situazione, registrando l’interessamento concreto di Jurgen Klopp.

L’operazione non è delle più agevoli da mettere a segno, ma i gialloneri ritengono di avere le giuste carte da calare sul tavolo, con annessa importante proposta economica da formulare in direzione Mole.

Il Toro, dunque, lavora per il presente e, soprattutto, per il futuro. Giampiero Ventura nel valorizzare in maniera esponenziale il valore dell’organico è un maestro, così come sono stati bravi negli ultimi anni i dirigenti granata a plasmare una rosa di qualità. E in società, secondo le ultime notizie provenienti da radiomercato, approderà Stefano Antonelli, attuale responsabile dell’Area Tecnica del Siena, già uomo di fiducia di Cairo tra il 2007 e 2008. L’operazione è ben avviata, l’attuale manager senese rafforzerà un management intenzionato a sviluppare i propri orizzonti, con Gianluca Petrachi assoluto punto di riferimento per quanto concerne l’Area Sportiva.

Anche sul mercato, inoltre, qualcosa inizia a muoversi in orbita granata. E se il futuro di Immobile è ancora tutto da decifrare, il ds Petrachi inizia a guardarsi attorno, dialogando a fari spenti con l’entourage di Paulinho, pronto a lasciare il Livorno in caso di retrocessione. Il 28enne centravanti brasiliano, munito anche di passaporto italiano, saluterà gli amaranto per sposare un nuovo progetto. Magari quello del Torino.
 

Get Adobe Flash player

Sullo stesso argomento